Palazzo Carafa
e la leggenda del cavallo

di Andrea Ruberto e Marco Perillo

1
  • 132
Napoli, città del sole. Napoli, città del mare. Ma non sempre Napoli è così come appare nelle cartoline. In un giorno qualsiasi di pioggia, cercando riparo in un qualunque edificio del centro storico, è possibile scoprire antichi segreti celati ai più. In quel dedalo di vicoli si nasconde Palazzo Carafa, emblema del rinascimento napoletano al cui interno è custodita una copia in terracotta della celebre testa del cavallo di bronzo. Storicamente il cavallo sarebbe stato un dono dei Medici ad Alfonso d'Aragona, opera di Donatello. Ma secondo la leggenda la statua equestre sarebbe molto più antica e risalirebbe all'epoca di Virgilio. Si racconta che allo scoccare delle campane del Duomo di Napoli, nei meandri dell’edificio è possibile sentire riecheggiare il nitrito dell’antica statua. Quale segreto conserva dunque quest'opera? Scopriamolo insieme. 
 

Ogni domenica, a partire da oggi, sul Mattino.it, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro canale Youtube sarà online questa videorubrica sugli aspetti più particolari della città partenopea. 
Domenica 7 Ottobre 2018, 12:56 - Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 17:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-10-07 20:02:44
La prima volta che ho visto questo cavallo ne sono stata attirata, e sono corsa subito a guardarlo, come se si nascondesse un mistero oscuro dietro di esso. Vedo spuntare subito una persona che grida: "E' una copia, nn è l'originale!", ma a me la cosa non mi convinceva.

QUICKMAP