Napoli, ultima domenica gratis al museo: «Bonisoli ci ripensi». Ma c'è chi è d'accordo col ministro

ARTICOLI CORRELATI
di Paola Marano

5
  • 194
«Ministro ripensaci, perché i giovani di Napoli hanno bisogno di acculturarsi e scoprire le bellezze della nostra città». E’ il messaggio, condiviso da più persone, che un giovane napoletano lancia dagli scaloni del Museo Archeologico Nazionale al ministro per Beni culturali Alberto Bonisoli in quella che – nelle intenzioni del numero uno del dicastero - potrebbe essere l’ultima domenica di ingresso libero nei musei statali.

La calura agostana non ha scoraggiato turisti e residenti nella provincia del capoluogo partenopeo: in molti non si  sono lasciati scappare forse l’ultima occasione per godere di una domenica alla scoperta del patrimonio culturale del proprio Paese in forma gratuita. Un’iniziativa introdotta durante la scorsa legislatura dall’ex ministro Dario Franceschini.
 

A storcere il naso di fronte all’annuncio di Bonisoli sono soprattutto i giovani.  «Secondo me è proprio un peccato- racconta una studentessa di storia dell’arte appena arrivata a Napoli da Padova – la gioventù oggi non è incentivata a visitare i musei. L’italiano medio non spende venti euro per andare a vedere una mostra».
Non è della stessa opinione una signora arrivata da Caserta per ritornare a visitare le bellezze archeologiche del Mann: «Se fosse l’ultima sarei d’accordo. E’ giusto che si paghi per mantenere bene i musei, sarebbe opportuno fare un po’ di sconto ma non lasciare che se ne usufruisca in maniera completamente gratuita. Ognuno deve dare il suo contributo».

Anche il pensiero di un altro giovane napoletano si allinea con quello del ministro. “Va bene per cominciare ma bisogna trovare un altro modo per valorizzare e  tutelare i nostri siti archeologici -che non sono utilizzati nel pieno delle loro possibilità”. “Va anche capito che i beni vanno mantenuti – aggiunge una turista modenese in visita a Palazzo Reale – c’è bisogno di diversificare in maniera intelligente”. Bonisoli nei giorni scorsi da Napoli aveva infatti spiegato che l’iniziativa poteva essere funzionale come lancio promozionale per riavvicinare i cittadini all’arte, ma che stava andando in una direzione sbagliata.
 
Che ci sia bisogno di un’alternativa valida, con sconti spalmati su diversi giorni della settimana,ne è convinta anche un’operatrice del settore stamattina al lavoro al Museo archoelogico. «Da addetta ai lavori non ho mai condiviso totalmente l’iniziativa. Le domeniche diventano una grossa abbuffata di arte per gente poco educata alla fruizione, e spesso ne risente la conservazione delle opere. In più alcuni musei non hanno personale sufficiente per gestire con la dovuta cura e attenzione questo tipo di flussi».
 
Domenica 5 Agosto 2018, 16:01 - Ultimo aggiornamento: 05-08-2018 20:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-08-06 16:56:22
in linea con un governo d'ignoranti (che ignorano!!!) per quanto riguarda sgarbi persona colta e intelligente lasciamo perdere!!!!
2018-08-06 08:08:55
Non c'è bisogno di capire che per tenere i musei aperti c'è una spesa,e fare entrare una domenica al mese gratuitamente e demenziale,se poi si pensa di far pagare troppo a quelli che vanno in altri giorni e peggio ancora,pagare tutti in misura ragionevole,chi invece deve studiare avrà degli adeguamenti,non è pensabile che chi entra gratis ci ritorna poi per pagare,una follia per un paese alla deriva,la gente vuole pagare il giusto e nò cifre spropositate.
2018-08-05 18:24:04
@SanGennaro....alcuni tra cui il tuo museo si pagano sempre😀
2018-08-05 16:51:06
La legge Franceschinni, peraltro ottimo ministro della cultura, non mi ha mai comvinto. Vediamo il dito dei giovani ma non la luna di tantissimi turisti che godono di musei gratuitamente, magari arricchendo agenzie che lucrano sulla gratuità. Per la massa di turisti diventa una lotteria arrivare nel giorno di museo gratis. I musei si pagano in tutto il mondo perchè la cultura è di tutti ma la manutenzione costa. Sarebbe meglio mettere agevolazioni ai residenti (p.e. a Ravenna il residente entra gratuitamente in tutti i siti cittadini, che sono molti) oppure per giovani e anziani (senza la buffonata del S.Carlo di Napoli che agevola coloro che hanno ISEE < 8000, come se questi poveretti che non arrivano a fine mese potessero permettersi il lusso di pagare un ingresso a S.Carlo anche se scontato) tutto l'anno senza sovraccaricare le strutture museali una volta al mese. Il nuovo ministro del resto intende dare ai direttori la facoltà di decidere le agevolazioni. Mi sembra un miglioramento che come tutte le cose umane è sempre permesso, non una ritirata al 100%. Ma se guardiamo come annoiare il governo a tutti i costi, questo ragionamento non vale. PS non ho votato per questo governo
2018-08-05 18:38:59
Condivido pienamente! Anche Sgarbi, persona colta e intelligente, ha proposto di escludere dal benefit festivo gli stranieri. Personalmente sarei favorevole per i soli residenti. In ogni caso, il discusso provvedimento è servito da eccellente richiamo promozionale. Durante i governi a guida Pd è innegabile vi sia stato un notevole impulso culturale, che mi pare doveroso evidenziare. P.S. Ho votato Pd!

QUICKMAP