Napoli, serata berlinese
al Quartiere Intelligente

di Ida Palisi

Napoli sta diventando meta di un piccolo grand tour sociale, tappa obbligata di formazione artistica e culturale per giovani menti creative che qui in città trovano ispirazione. Come il noto scrittore Florian Illies che alla rivista Das Magazin ha parlato di Napoli come luogo dove gli piacerebbe stare, perché «qui si può vivere l’urbanità nella sua fantastica, caotica vivacità» e perché «sono cadute davanti a questa città persone come Goethe, Nietzsche, Wagner e Warhol». Oppure come Doris Dörrie, la regista tedesca più nota al mondo, che ha espresso al Goethe-Institut Neapel la volontà di tornarci. E l’Istituto tedesco, in considerazione di questo rinnovato interesse dei visitatori d’Oltralpe ha deciso di organizzare “Berlino 365/24”: una serata (a partire dalle 19 di oggi) sotto le stelle nel Quartiere Intelligente – il centro di rigenerazione urbana realizzato attorno alle scale di Montesanto - in collaborazione con l’agenzia del turismo visitBerlin e l’associazione Montesanto 3.
A introdurre il programma sarà Anja Mikulla, responsabile di visitBerlin, che racconterà dei più bei luoghi culturali e dei set cinematografici della capitale tedesca. «Napoli e Berlino – dice Mikulla – offrono entrambe esperienze uniche per quanto riguarda la cultura, la storia, la natura e gli stili di vita. Dal punto di vista culturale sono sedi di importanti musei, hanno una grande tradizione letteraria e anche cinematografica, come città-set di film; in entrambe si incontra una storia eccezionale e poi Napoli ha un bellissimo ambiente e la campagna, mentre Berlino vanta più di un terzo dei suoi quasi 900 chilometri quadrati di spazio verde, metà dei quali è foresta e circa 440mila alberi ufficialmente contati. Infine il cibo ha un grande impatto: a Napoli come patria della pizza e della pasta, a Berlino come capitale dei vegetariani e posto ideale dove “mangiare il mondo”. L’unica cosa che forse Napoli potrebbe imparare dalla capitale tedesca è la combinazione dei diversi sistemi di trasporto cittadino, dalla bicicletta al treno al car sharing, però Berlino, di contro, può sicuramente assimilare un po’ della calma napoletana».
Sedendo sui gradini delle Scale Filangieri a Montesanto, sgranocchiando popcorn (offerto dalla manifattura berlinese Knalle) e sorseggiando birra sponsorizzata da Brlo direttamente da Berlino, il pubblico potrà assistere alla proiezione open air del film muto “Menschen am Sonntag” (Gente di domenica) realizzato con attori non professionisti – cosa inusuale per l’epoca - da Robert Siodmak nel 1929 in collaborazione con Billy Wilder, dove si racconta la domenica di due giovani coppie sul Wannsee, il famoso lago di Berlino. «Con il suo giardino e le sdraio all’aperto il Quartiere Intelligente – spiega la direttrice del Goethe di Napoli, Maria Carmen Morese - ricorda i centri berlinesi autogestiti. Proietteremo il film sulla parete di una casa, in un’atmosfera molto bella che intreccerà idealmente due città che affascinano molto gli artisti. Molti ci chiedono di restare qui per il loro lavoro». La serata berlinese sarà chiusa da un DJ Set (alle 22) del duo tedesco Jaures mentre il bar del Quartiere Intelligente offrirà bevande e pizze fritte vegetariane. «Prima il Grand tour era un privilegio per pochi – conclude Maria Carmen Morese – oggi, grazie ai voli low cost possono viaggiare tutti, e l’accesso alla cultura è aperto anche ai giovani di famiglie meno abbienti. Non bisogna idealizzare i viaggi dell’aristocrazia dei secoli scorsi, le conquiste del 20esimo secolo in questo senso sono state molto più importanti».
 
Giovedì 13 Luglio 2017, 14:57 - Ultimo aggiornamento: 13-07-2017 14:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP