Napoli, al San Carlo si presenta la seconda edizione del premio letterario Matilde Serao

La scrittrice iraniana Azar Nafisi ha vinto la seconda edizione del Premio letterario Matilde Serao organizzato da 'Il Mattino' e assegnato da una giuria di giornalisti ed editorialisti del quotidiano napoletano: il riconoscimento, che da quest'anno ha l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sarà consegnato al Teatro San Carlo il 28 maggio nel corso di un gala-spettacolo dedicato alle eccellenze femminili con la partecipazione di Carolina Rosi, Lina Sastri e tre soprani, Carmen Giannattasio, Maria Grazia Schiavo, Rosa Feola. Nell'occasione sarà presentata anche la nuova grafica del quotidiano. L'iniziativa è stata presentata al massimo napoletano dal direttore Alessandro Barbano e dalla soprintendente Rosanna Purchia. 
 
 

«Qui nel 2015 è iniziato il percorso 'Il senso del Mattino', prima con il film sul giornale in collaborazione con Giffoni, poi con la serata dedicata a Kauffman e la canzone napoletana. Con il San Carlo c'è un impegno civile condiviso» ha dichiarato Barbano ricordando poi l'attualità della figura di Matilde Serao. «Quello che ha fatto è stato, per l'epoca, leggendario: ha fondato giornali, ha scritto romanzi e novelle, ha sfidato il fascismo, la sua eredità è la cifra del Mattino. Era una borghese che aveva relazioni con tutti, dalla Duse all'ultima popolana, senza pregiudizi. E il Mattino è un giornale di tutti e di popolo, un giornale che si pone in ascolto. In un momento di grande risveglio del protagonismo femminile abbiamo voluto dedicarle una serata tutta al femminile».

Azar Nafisi, racconta Barbano, si è detta entusiasta di venire a Napoli: «È una figura straordinaria e ha molti punti di contatto con la Serao». Figlia dell'ex sindaco di Teheran e di Nezhat Nafisi, prima donna ad essere eletta al Parlamento iraniano, è stata testimone della rivoluzione islamica e della presa di potere di Khomeini. Dal 1997 vive e insegna negli Usa dove ha scritto in inglese 'Leggere Lolita a Teheran', il romanzo che l'ha consacrata. Il regista Claudio Di Palma ha anticipato i contenuti del gala al San Carlo che sarà aperto da Lina Sastri, protagonista nei panni della Serao di un corto realizzato dai giovani filmaker di Giffoni Experience. «Napoli senza il Mattino non sarebbe Napoli - ha detto la Purchia - siamo felici di accogliere questa serata schierando le nostre forze migliori, l'orchestra e tre soprani di origini campane». Barbano consegnerà il 31 maggio a Carinola anche il premio Serao di giornalismo a Lucia Goracci, inviata del Tg3 Rai.


Martedì 15 Maggio 2018, 12:12 - Ultimo aggiornamento: 16-05-2018 05:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP