Murales della pace, festa a San Giorgio a Cremano con gli inviati di Striscia

ARTICOLI CORRELATI
di Antonio Cimmino

SAN GIORGIO A CREMANO - Bagno di folla e tanto entusiasmo a San Giorgio a Cremano per gli inviati di Striscia La Notizia, Luca Abete e Vittorio Brumotti venuti in città stamattina. A gennaio, a San Giorgio a Cremano una scritta contro i due inviati: «Nuovo sport popolare, manda Abete e Brumotti in ospedale». Il sindaco Giorgio Zinno all'epoca provvide a farla rimuovere, facendola coprire con della vernice. Oggi, in via Mazzini, quell'atto criminale si è trasformato in un'espressione di bellezza e i due inviati poco fa hanno inaugurato l'opera d'arte li dove campeggiava la minaccia. 
 

Tanti i passanti che si sono fermati ad attenderli e ad accoglierli, tra selfie e abbracci. Protagonisti assoluti, però, i ragazzi delle scuole. «L'idea inizialmente era di coinvolgere le scuole, subito dopo aver fatto coprire le scritte contro gli inviati di Striscia, con un messaggio di giustizia e di pace», ha detto il sindaco Zinno che oggi ha accolto i due inviati tornati a San Giorgio a Cremano.

Il murale che simboleggia il rispetto dell'altro è stato realizzato dagli studenti del liceo artistico Don Milani e dai piccoli alunni dell' istituto comprensivo Massaia, che stamattina hanno incontrato i due inviati. Il tema dell'opera è «La pace sulla città»: al centro il Vesuvio su un paesaggio color arcobaleno,  visto di spalle da due sagome abbracciate in controluce. L'opera è stata realizzata in collaborazione con l'assessore alla cultura di San Giorgio, Angela Viola, anche dirigente scolastica dell'Istituto Don Milani e dei docenti Carlo Esposito e Chiara Vitale.
Lunedì 9 Aprile 2018, 15:12 - Ultimo aggiornamento: 09-04-2018 17:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP