Harvard e istituto Europa di Pomigliano insieme per una scuola migliore

di Emanuela Sorrentino

Si chiama Making Learning and Thinking Visibile in Italian Secondary Schools ed è firmato Harvard Graduate School for Education e Indire il progetto che coinvolge l’istituto superiore “Europa” di Pomigliano d’Arco, unica scuola del sud ad essere stata scelta.
Per la prima volta, dopo cinquant’anni di studio e di ricerca, l’Harvard School for Education di Boston ha deciso di sperimentare il suo progetto nelle scuole secondarie di secondo grado italiane, e a questo scopo Indire ha selezionato tre istituti (nord, centro, sud) con cui avviare le attività di ricerca e sviluppo di nuove pratiche didattiche. Per il sud è stato individuato l’istituto di Pomigliano. «Per noi - spiega il docente coordinatore Roberto Castaldo - è un grande onore avere l’irripetibile opportunità di lavorare, con i ricercatori di Indire, al fianco di chi ha scritto e sta scrivendo la storia della pedagogia. Al kick-off meeting, il primo step del progetto che si è svolto a Firenze, era presente la ricercatrice di Harvard Mara Krechevsky». 
L’obiettivo ambizioso è quello di innovare la scuola focalizzando l’attenzione sulla socialità e la creatività di ogni studente e docente, per lo sviluppo di una serie di pratiche, strutture e strumenti didattici innovativi che verranno infine disseminati nell’ambito della rete avanguardie educative di Indire, formata da oltre 500 scuole di tutt’Italia.
L’Isis Europa è rappresentato al progetto dal dirigente scolastico Rosanna Genni, e dai docenti Roberto Castaldo, Angelo Del Vecchio, Josephine Iannone, Imperatrice Natale e Maria Rosaria Visone. 
Mercoledì 11 Ottobre 2017, 13:30 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2017 13:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP