A cinquant'anni dalla morte un francobollo per Totò

  • 900
Anche la filatelia partecipa alle commemorazioni dei 50 anni dalla morte di Totò, probabilmente il più popolare attore italiano di teatro e di cinema. La vignetta del francobollo, resa nota oggi da Poste Italiane, mostra (stampato in calcografia)il volto sorridente di Totò. Il francobollo, del valore di 95 centesimi, sarà emesso il 16 novembre prossimo e l'annullo speciale «primo giorno di emissione» sarà apposto a Napoli.

Nato nel 1898 nel rione Sanità, figlio «illegittimo» (il padre marchese Giuseppe de Curtis lo riconoscerà solo nel 1928), Antonio de Curtis, pur interprete straordinario della sensibilità popolare, si impegnerà a lungo per un curioso riscatto «araldico» e nobiliare. Adottato nel 1933 dal marchese Francesco Maria Gagliardi Focas di Tertiveri, riuscì a farsi riconoscere in tribunale un sfilza di nomi gentilizi e di titoli nobiliari. Artista capace di strappare risate in qualunque situazione, grande interprete del varietà e della rivista, ma anche popolarissimo attore in un numero elevatissimo di film (la sua filmografia annovera poco meno di un centinaio di titoli, alcuni di grande valore artistico), fu anche poeta, cantante e compositore. È morto nel 1967.

La presentazione presso la direzione regionale delle Poste Italiane a Napoli in piazza Matteotti 2, all’interno della sala storica intitolata a Matilde Serao. L’emissione del francobollo è stata resa possibile a seguito della proposta dell’Associazione Amici di Totò … a prescindere! - Onlus e del successivo Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell’Economia e della Presidenza della Repubblica per la realizzazione delle carte valori. La manifestazione sarà moderata da Franco Esposito, direttore di Telecolore. Giovedì il francobollo sarà disponibile presso gli uffici postali d’Italia. 
Lunedì 13 Novembre 2017, 12:47 - Ultimo aggiornamento: 13-11-2017 22:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP