Pozzuoli, una festa di Carnevale
per combattere il disagio sociale

Irene Ascolese al Carnevale di Monteruscello
di Eduardo Improta

POZZUOLI - È stato un bel pomeriggio in compagnia di tanti bambini e adulti della comunità parrocchiale di Sant’Artema per festeggiare il Carnevale. I colori e l’atmosfera del Carnevale ha invaso l’ampio spazio all’aperto antistante la parrocchia dove bambini e adulti sono stati coinvolti in una divertente festa con balli e canti in maschere. Una grande sfilata di costumi e coreografie per mostrare i propri vestiti colorati dei loro personaggi.
 
 

La festa è stata animata grazie alla presenza degli animatori dell’associazione teatrale non-profit “Arcobaleno Bianco”, dai gruppi giovanili della parrocchia, sempre disponibili per allietare questi momenti di festa insieme ai più giovani. Non sono mancati tante sfiziose golosità, pop-corn e patatine.

«La terza edizione della kermesse carnevalesca – dice Irene Ascolese - vuole combattere il disagio sociale che colpisce la periferia e contribuire, in aiuto all’amministrazione locale, a individuare il modo migliore per innescare processi di risanamento civile e sociale». Monteruscello, il mega quartiere con 35mila abitanti, fu costruito negli anni ottanta in seguito al bradisismo.
 
Domenica 11 Febbraio 2018, 15:26 - Ultimo aggiornamento: 11-02-2018 15:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP