Ercolano, studenti protagonisti alla «città museo» degli scavi

di Teresa Iacomino

ERCOLANO. Gli scavi di Ercolano si aprono agli studenti. È la nuova fase del progetto Maiuri Pop up «Expanded Interiors», organizzato dal parco archeologico e condiviso con la Newcastle University, guidato dal team dell’artista Catrin Huber ed in collaborazione con l’Herculaneum Conservation Project.
Dopo la giornata dedicata a illustrare alle guide turistiche della Campania l’idea dell’intero progetto, che partendo dal tema caro a Maiuri della «città museo» sviluppa il dialogo tra le arti figurative moderne e la Casa del Bel Cortile, ora saranno prima gli studenti dell’accademia delle Belle Arti e poi quelli delle scuole primarie e secondarie di primo grado di Ercolano poste nelle vicinanze degli scavi (rispettivamente il 12 e il 13 gennaio) per conoscere le bellezze dell’area e i progetti in campo per la sua valorizzazione. Domenica 14 infine nuovamente guide turistiche in primo piano, con una serie di attività pratiche: «Il progetto - dichiara il direttore Francesco Sirano - mira ad acquisire un respiro più ampio e capace di tessere quella rete che ritengo vitale per un concreto coinvolgimento del territorio nelle attività del parco archeologico».
Giovedì 11 Gennaio 2018, 17:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP