Le coreografie di Emanuel Gat al teatro San Ferdinando

Emanuel Gat, coreografo israeliano, stella del firmamento della danza contemporanea internazionale, porta al Teatro San Ferdinando il 10 e l’11febbraio due sue coreografie: la prima, Milena & Michael, per la prima volta in scena in Italia, la seconda, Sacre, riadattamento di The Rite of Spring, lo spettacolo cult del 2004 del 49enne coreografo, vincitore nel 2006 del prestigioso Bessy Award.

Milena & Michael, primo spettacolo del dittico proposto nelle due date, è una coreografia firmata da Emanuel Gat creata in collaborazione con Michael Loehr e Milena Twiehaus, i due danzatori interpreti del pezzo. Milena Twiehaus e Michael Loehr collaborano da tempo con Gat, col quale condividono la stessa passione artistica e una profonda conoscenza del processo creativo del coreografo israeliano.

Milena and Michael è una danza ridotta ai suoi elementi essenziali, un riflesso dell’azione stessa del danzare e, allo stesso tempo, il racconto di due persone che cercano un contatto. Dopo aver sperimentato coreografie complesse, Emanuel Gat sceglie di concentrarsi su una forma che implica un ritorno alle basi. Il lavoro, infatti, può essere definito come una sorta di zoom sul vuoto e sulla fatuità respirabile tra i movimenti, tra i frammenti di coreografia, tra i suoni e tra i due danzatori.
Oltre la coreografia, Gat firma anche le luci e le musiche, mentre i costumi sono stati creati insieme ai danzatori. La produzione dello spettacolo – realizzato presso la Maison de la Danse de Lyon con il patrocinio della Fondazione BNP Paribas – è della Emanuel Gat Dance e Maison de la Danse de Lyon.
 
Sacre, il secondo pezzo in scaletta, è il riadattamento dell’edizione cult del 2004 del celebre capolavoro di Stravinsky firmata da Gat, che si aggiudicò il Bessy Award 2006 a New York. Un’interpretazione in chiave contemporanea de La sagra della primavera danzata su passi di salsa cubana da cinque straordinari ballerini, due uomini e tre donne, in una rilettura libera e frenetica che non si focalizza sul concetto di sacrificio, ma piuttosto su quello di azione.
Giovedì 8 Febbraio 2018, 12:03 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP