Certosa di San Martino in mostra
per la prima volta i disegni di Luca Giordano

Ritornano a Napoli i disegni preparatori di Luca Giordano, disegni che furono realizzati nel 1704 per l’affresco della Cappella del Tesoro della Certosa Museo di San Martino. Le opere che sono presso gli Uffizi di Firenze, sono esposte con altri tesori antichi e contemporanei nell’ambito della mostra che ha aperto, oggi, ed in programma sino al prossimo 21 ottobre, promossa e sostenuta dall’assessorato allo Sviluppo e Promozione del Turismo della Regione Campania con la direzione scientifica del Polo museale della Campania.

Si tratta di studi preparatori che possono essere ammirati nella farmacia della Certosa e che raffigurano Giuditta e Rebecca. In mostra anche un terzo disegno, attribuito a Luca Giordano, che normalmente è custodito presso la Società Napoletana di Storia Patria. La mostra è parte di un ampio progetto che vede insieme per la prima volta le tre Certose della Campania: San Martino, San Lorenzo a Padula e San Giacomo a Capri. La mostra si sviluppa intorno al tema biblico di Giuditta e Oloferne. Per l’occasione sono esposte opere del Sei e del Settecento accanto ad opere di maestri contemporanei per dimostrare affinità e dissonanze, affrontate con sensibilità differenti da Lucio Fontana e Alberto Burri da Luca Maria Patella, da Louise Bourgeois a Giacinto Cerone e Paolo Mussant Sartor.

All’inaugurazione ha partecipato, Corrado Matera, assessore allo Sviluppo e a Promozione del Turismo della Regione Campania che ha spiegato gli obiettivi dell’iniziativa: «La Campania è la seconda regione in Italia per visitatori nel settore del turismo culturale. Risultato raggiunto anche grazie alle azioni che stiamo mettendo in campo che mirano alla integrazione territoriale per avvicinare i grandi attrattori culturali alle aree interne e per mostrare tesori come le Certose di Napoli, Padula e Capri attraverso percorsi culturali di confronto. Il progetto "Il cammino delle certose" è collegato a quello dei "percorsi dell’anima" per sostenere insieme turismo culturale e turismo religioso».
Venerdì 21 Luglio 2017, 16:05 - Ultimo aggiornamento: 21-07-2017 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP