Campi Flegrei, fondi per 38 milioni:
«Così raddoppieremo i visitatori»

di Gaty Sepe

Da due mesi l'archeologa Adele Campanelli, dopo la vicenda giudiziaria che l'ha coinvolta, è stata reintegrata alla guida del neonato Parco dei Campi Flegrei, una zona archeologica vasta quanto quella di Roma, che la Regione vuole candidare all'Unesco come Patrimonio dell'umanità, ma che dal punto di vista organizzativo va completamente inventato.

Il Parco Archeologico dei Campi Flegrei è pronto a partire?
«Sì, anche se con grande ritardo: abbiamo perso otto mesi di attività e 750mila euro di fondi perché durante l'interim non si è potuto fare niente. Ma ora è operativo, abbiamo approvato il bilancio, ci sono 38 milioni di fondi, è partito anche l'interpello per la segreteria tecnica. Certo, manca ancora il personale: non ci sono amministrativi apicali, ci sono 80 custodi sui 110 previsti, tre archeologi sui 6 previsti, nessun architetto».

Quali sono le priorità?
«Il Parco non è una diretta espressione geografica del territorio, coinvolge quattro comuni ed una trentina di siti il che rende difficile la gestione del personale con turni ed orari differenziati tra le varie sedi: quindi la prima cosa da fare è armonizzare gli orari tenendo presente che ci sono siti che d'estate vanno tenuti aperti anche la notte come Baia. Abbiamo avviato un lavoro di progettazione integrata con i Comuni per la messa a sistema dei siti con un bigliettazione, accoglienza e segnaletica comune e un servizio di navette che renda possibile spostarsi da un sito ad un altro. Al più presto partiranno i bandi di gara. Bisogna riassegnare anche i servizi aggiuntivi. Serve una biglietteria elettronica, che permetterebbe anche di liberare personale per i turni di sorveglianza, guide in lingua straniera, bar e caffetterie».

Tanti siti adesso sono spesso invisibili: aperti soltanto alcune ore al giorno, in alcuni giorni o solo su richiesta.
«L'Anfiteatro di Pozzuoli ora è sempre aperto ma sarà interessato da lavori per ospitare la programmazione di spettacoli estivi. Visitabile invece su richiesta il Tempio di Serapide che invece vorrei tenere aperto tutti i giorni ora che sono stati risolti i problemi di risalita dell'acqua e a giorni verrà inaugurato il nuovo impianto di illuminazione. E apre su richiesta anche lo Stadio su via Domitiana. La mia idea è che tutti i siti debbano essere accessibili anche al territorio e non soltanto ai turisti: penso dunque alle Necropoli di via Celle e via San Vito, dove bisogna realizzare un servizio di illuminazione e dei bagni, come ad un luogo dove anche i residenti possano andare per fare una passeggiata nella via dei Sepolcri, una visite guidate o uno spettacolo».

Progetti pronti ad essere realizzati?
«Sul Lago d'Averno il Tempio di Apollo è stato ripulito ed illuminato e si potranno organizzare eventi all'aperto. A fine mese, tra l'altro, finiscono i lavori nella Grotta di Cocceio, chiusa dalla II Guerra Mondiale, che dal Lago d'Averno mette in comunicazione con Cuma. Potrebbe essere aperta già a fine febbraio con un servizio di navetta ecologico, magari un trenino elettrico che la percorra al buio perché è abitata da una rara specie di pipistrelli. Un servizio di navette, comunque, dovrà toccare tutti i monumenti. Stiamo studiando il percorso che dovrebbe avere due stazioni capolinea a Pozzuoli ed a Literno e poi collegare Cuma, Baia, Bacoli e il lago d'Averno».

Qual è la situazione alla Piscina Mirabilis?
«Ora è visitabile a richiesta, c'è da accordarsi con la signora che fa da assuntore, ma c'è un progetto per l'apertura fissa, anche la sera, dopo la realizzazione di un nuovo sistema di illuminazione, con un custode in orario turnante. Si sta mettendo a punto la gara per i servizi e studiando un sistema di parcheggi e di accesso anche per i disabili».

Progetti per Baia?
«Il museo archeologico di Baia ora è aperto mezza giornata ma dovrà essere aperto tutto il giorno e, soprattutto, valorizzato perché non si conosce il suo patrimonio. Recentemente lo ha visitato la principessa giordana Dana Firas presidente del Petra National Trust che ha scoperto così i reperti che documentano contatti tra la Giordania e Pozzuoli».

E per il Parco sommerso di Baia?
«È la grande scommessa dei Campi Flegrei. È l'area archeologica sommersa più importante al mondo con un potenziale turistico enorme. Oggi è visitabile con la barca o con l'escursione subacquea, ma sempre su richiesta, un sistema di visite che va riorganizzato. AStiamo mettendo a punto una carta archeologica con la mappatura di tutte le Domus e le strade, ma c'è ancora tanta ricerca da fare, così come a Liternum e Cuma per cui sto lavorando ad un doppio percorso archeologico e rurale, che valorizzi anche le masserie presenti».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 8 Gennaio 2018, 16:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-09 02:36:09
Ma quanti sono i turisti che hanno pernottato tra Pozzuoli e Bacoli nel 2017? E occorrono 38.000.000 di euro per radoppiarne il numero? A cosa servono degli amministrativi apicali per raggiungere questo scopo? Con 80 custodi non riesci a reggere l'ondata di poche centinaia di turisti? Il tempio di Serapide (che non è un tempio..ahi ahi) è aperto da secoli. Illuminare San Vito?.. per far vedere i rifiuti abbandonati anche di sera? Dello stadio di Cicerone non è rimasto che una porzione degli spalti. Secondo voi un turista che ha 7 giorni per vedere la Campania, andrà a Pozzuoli o preferirà visitare Pompei ed Ercolano? Per non parlare delle condizioni in cui versa il lago d'Averno. Insomma in un paese normale gli archeologi farebbero il loro lavoro e i professionisti del turismo decuplicherebbero il numero dei visitatori.

QUICKMAP