Vodka e pallottole: a Napoli nei locali alla moda le esibizioni muscolari dei giovani boss

di Nico Falco

Li riconosci subito, già dalla strada, quando sono ancora incolonnati nelle code che si formano davanti alle discoteche. Da quando arrivano nelle automobili tirate a lucido, con la musica sparata a mille, gli sguardi fissi sui ragazzi in giro e nelle altre automobili per contare quanti abbasseranno gli occhi. Nel locale li aspetta il tavolo prenotato. O i tavoli, se si tratta di una serata speciale. Anche una intera porzione della sala, come se l'avessero affittata per una festa privata. Eccoli qui, i rampolli dei clan, con le tasche piene di banconote e la pistola pronta nel cruscotto. Vodka e pallottole, fino all'alba. Li noti subito perché sono loro a farsi riconoscere, a esibirsi come se quel locale fosse il loro palcoscenico privato. Non è semplice divertimento e nemmeno solo squarcioneria. È uno spot per il clan che rappresentano, una dimostrazione di potenza economica.

IL BRAND CAMORRA
Tutto è studiato, come una recita. Si scelgono i locali più in voga, quelli più frequentati, perché il messaggio arrivi a quanta più gente possibile. I tavoli prenotati, separati dagli altri, diventano un punto di osservazione privilegiato a cui nessuno si avvicina. Le ordinazioni che continuano ad arrivare, scelte tra i prodotti più costosi, e devono vederlo tutti: i camerieri sfilano in sala portando le cassette, tra le bottiglie spiccano i bengala. Champagne costoso da centinaia di euro a bottiglia, bevuto, offerto, o anche lasciato a metà. Quello che importa è il conto che arriva a fine serata, migliaia di euro a saldo del contratto pubblicitario appena andato in scena. I video, poi, ogni tanto finiscono su Facebook. In qualcuno si sente anche il dj che annuncia la loro presenza, che li esalta quando arrivano le bottiglie. E proprio una di queste sceneggiate sarebbe all'origine della sparatoria ai baretti di Chiaia del novembre scorso: il raid sarebbe stato messo a segno da giovani dei Formicola dopo che coetanei vicini al clan Troncone avevano speso in un noto locale 3mila euro in 10 minuti, ordinando 45 bottiglie di champagne; quella ostentazione di potenza sarebbe stata vista come una minaccia per gli affari del gruppo sulla zona.

I PRECEDENTI
Quei locali, però, sono gli stessi dove si riuniscono i ragazzi che con la malavita non hanno nulla a che fare. Basta un'occhiataccia o presunta tale, una spinta involontaria e ci si può ritrovare dall'altro lato di una pistola. Come è successo sabato notte, intorno alle 4, quando durante una rissa a Coroglio diversi testimoni hanno raccontato di aver visto un ragazzo scendere armato da una Fiat 500xl, fermato da un amico che se l'è trascinato via. E a volte la tragedia arriva anche per meno. Come accadde a Maurizio Lutricuso, ucciso nel 2014 davanti a una discoteca di Agnano. Aveva negato una sigaretta a un ragazzino. Non sapeva che quel rifiuto sarebbe suonato come un affronto per quei giovani legati al clan Sibillo. Gli spararono sette colpi in petto, lo lasciarono agonizzante a terra. E poi, come se nulla fosse successo, andarono a mangiare un panino.
 
Martedì 12 Giugno 2018, 11:37 - Ultimo aggiornamento: 12-06-2018 11:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-06-13 14:11:05
Per favore smettete di usare parole alla moda come ras, boss, rampolli, lady, dinasty, non fate che osannare questi esseri immondi che sono la chiavica della chiavica! I vecchi dicevano che il vero guappo è chi si ritira a casa la sera! Ah, dimenticavo, stranamente non si sente più parlare di camorra, mafia, ndrangheta e via dicendo se non nei necrologi dei servitori dello stato (quelli veri). Che il fenomeno sia sato risolto già dal nuovo governo?
2018-06-13 09:07:43
Dal mio punto di vista la forza di questa melma maleodorante è il fatto che si sentono impuniti e che di fatto lo sono! se tu quando li prendi (che succede sempre perché sono delle bestie idiote che lasciano prove ovunque di quello che fanno) gli dai il carcere duro per 30 anni, ma 30 anni veri e senza sconti di pena! vedrai che qualcuno ci ripensa prima di fare il Gomorroide spaccone... ps poi ditemi che la serie Gomorra non ha dato il "LA" a questi comportamenti da film pulp
2018-06-12 12:04:03
Soluzione semplice: si chiudono. Non mi sembra che l'abbia prescritto il medico di andare in discoteca. Purtroppo la situazione è drammatica e se necessario applicherei anche il coprifuoco.

QUICKMAP