Tribunale, anche a Napoli un flash-mob degli avvocati per protestare contro l'Inps

Silenzioso flash-mob di protesta degli avvocati questa mattina al Tribunale di Napoli: la manifestazione è stata organizzata dai Comitati di gestione separata Inps che hanno presentato denuncia formale al Ministero del Lavoro – predisposta dall’Organismo Congressuale Forense - affinchè diffidi l’Inps dal porre in essere qualunque azione esecutiva a danno degli avvocati destinatari di provvedimenti giurisdizionali per la mancata iscrizione alla gestione separata. “L’Inps, nascondendosi dietro la promessa di una pensione, sta soffocando i piccoli e giovani professionisti chiedendo loro di pagare contributi non dovuti, nella totale indifferenza dello Stato” sostengono i Comitati di gestione separata.

La questione è stata affrontata anche dall’Ordine degli avvocati: “Solleciteremo l’Inps di non procedere all’iscrizione forzata per gli avvocati non iscritti a Cassa forense negli anni precedenti al 2012, invitando lo stesso ente – ha sottolineato Maurizio Bianco, presidente del Foro napoletano – ad eliminare la maggiorazione degli importi e a non agire “in executivis” nei confronti dei colleghi iscritti d’ufficio. Chiederemo all’Inps, al CNF, all’OCF e alla cassa di previdenza ed assistenza forense di porre in essere tutte le iniziative finalizzate alla risoluzione della questione, compresa la valutazione di rimessione in termini senza alcuna maggiorazione o sanzione per coloro che volessero versare i contributi alla Cassa per il periodo in cui non erano obbligati”.
Lunedì 16 Aprile 2018, 17:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP