Test di Medicina truccati a Napoli
salgono a sei le persone coinvolte
Nel mirino un addetto già indagato
con un poliziotto e un carabiniere

ARTICOLI CORRELATI
di Mary Liguori

4
  • 1313
Nel video che i carabinieri hanno acquisito nella primavera scorsa lo si vede mentre, con convinzione e piglio degno di un promoter televisivo, promette posti di lavoro all’interno dell’Università Federico II. Snocciola cifre che vanno dai 500 ai 10mila euro. Se qualcuno gli ha creduto, perché il tizio in questione era, fino a qualche tempo fa, dipendente dell’Ateneo, al momento non è dato sapere. Si sa, invece, che quello stesso personaggio è protagonista di una notte prima degli esami più che turbolenta e che gli «esami» in questione sono i quiz di ammissione all’ambita facoltà partenopea di Medicina. 

La miccia che ha già portato a perquisizioni e sequestri di pc e telefoni, è scintillata durante le indagini che hanno sollevato, a febbraio, uno dei peggiori scandali della sanità campana, quella sui «furbetti» del cartellino del Loreto Mare. Durante i controlli sui dipendenti sospettati di assenteismo, la procura sarebbe entrata in possesso di un dialogo che rimandava ai test per la facoltà Medicina. Di conseguenza, avrebbe aperto un fascicolo a parte sfociato nell’inchiesta che oggi, proprio per le presunte irregolarità al concorso per aspiranti camici bianchi, vede iscritte sul registro degli indagati sei persone. Ci sono il faccendiere già coinvolto nella «compravendita» di posti di lavoro all’Università Federico II, una dipendente dell’ateneo, suo marito, un poliziotto, un carabiniere e il figlio di uno dei due esponenti delle forze dell’ordine.

Ruota intorno a queste figure l’indagine del pool reati contro la pubblica amministrazione della procura di Napoli. Inchiesta che getta dubbi sulla regolarità del test di accesso che si è svolto a Monte Sant’Angelo lo scorso 5 settembre e ha visto la partecipazione di 4604 candidati per le 462 immatricolazioni in palio per il «numero chiuso». Sessanta domande a risposta multipla sui temi di fisica, matematica, biologia, chimica, cultura generale e logica da risolvere in cento minuti. Qualcuno, la notte prima della prova, dall’interno dell’Ateneo, avrebbe comunicato a terzi, presumibilmente i genitori di candidati, le risposte esatte per i quesiti che valgono l’accesso al corso di studi più ambito. Uno di quegli studenti, il giorno della prova, è stato trovato in possesso di una sorta di algoritmo, ma non è ancora chiaro se quelle che aveva in tasca fossero le risposte giuste.


Continua a leggere sul Mattino Digital
Sabato 23 Settembre 2017, 23:59 - Ultimo aggiornamento: 25-09-2017 08:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-09-24 15:34:30
da che mondo e' mondo succede in tutte le scuole del mondo, specie al nord, i "ricchi " pagano bene chiedete alla bocconi o oxford e cambridge, si compra tutto e ricordatevi che tutto e' in vendita
2017-09-24 13:19:51
Che poi queste scoperte dell'acqua calda sono come sempre tutte ds italietta....lo sanno pure i muri che è sempre stato cosi....solo sei indagati ahahhaha mi viene da ridere!
2017-09-24 11:15:28
...il paradosso è che sembri che l'ateneo formi rispecchiando la "realtà" della società in cui espleti le proprie funzioni. "E' una palestra di vita reale", e di ciò che li aspetti dopo aver concluso gli studi, anche se a danno di sè e della società stessa: "il cane che si morde la coda"!
2017-09-24 11:02:56
Lauree in medicina iniziano i saldi

QUICKMAP