Stupro di gruppo in hotel a Meta, i dipendenti: «La turista era consenziente»

di Ciriaco M. Viggiano

5
  • 1941
META. Hanno scelto di non nascondersi e di rispondere a tutte le domande del gip di Torre Annunziata che lunedì scorso li ha spediti dietro le sbarre con l’accusa di violenza sessuale di gruppo ai danni di una turista inglese. «I rapporti sessuali nell’hotel Alimuri? Nessuno stupro, la signora era consenziente»: ecco la tesi che i cinque ex dipendenti dell’albergo metese hanno sostenuto durante l’interrogatorio di garanzia nel carcere di Poggioreale, dove resteranno fino alla nuova decisione del magistrato. Nessuno tra Fabio De Virgilio, Antonino Miniero, Gennaro Davide Gargiulo, Raffaele Regio e Francesco Ciro D’Antonio si è avvalso della facoltà di non rispondere. Tutti, invece, hanno fornito chiarimenti sulla notte tra il 6 e il 7 ottobre 2016, quando una 50enne inglese sarebbe stata prima narcotizzata con droga sciolta in un drink e poi stuprata.

E tutti si sono mostrati concordi nel definire consensuali i rapporti sessuali che la donna dice di aver avuto nell’albergo. Difeso dal penalista Mario Rosario Romaniello, il barman De Virgilio, accusato di aver drogato la vittima per poi abusarne nei pressi della piscina insieme a Miniero, ha ricostruito minuziosamente l’amplesso che sarebbe durato «circa dieci minuti» e si sarebbe svolto «senza alcuna violenza». Anzi, della violenza non ci sarebbe stato nemmeno bisogno. Gli indagati, infatti, hanno riferito che la vittima avrebbe mostrato interesse per Miniero, corteggiandolo per tutta la serata. Il 34enne barman, assistito dall’avvocato Francesco Tiriolo, si sarebbe limitato ad abbracciarla scherzosamente e non avrebbe mai avuto un rapporto sessuale con lei.

Alle 23.30 il giovane avrebbe finito di lavorare per poi raggiungere la piazza principale di Meta e salire sul pullman per Portici: lo dimostrerebbero le immagini registrate dall’impianto comunale di videosorveglianza. Almeno in una prima fase, dunque, la donna avrebbe fatto volontariamente sesso col solo De Virgilio. Quanto alla droga, nessuno degli ex dipendenti dell’hotel Alimuri, messi sotto inchiesta dalla Procura di Torre Annunziata, ha saputo indicarne la provenienza. Tanto più che nemmeno nelle intercettazioni effettuate dagli investigatori e nella chat alla quale hanno partecipato alcuni indagati si fa riferimento agli stupefacenti. Eppure gli esami condotti su capelli e urine della vittima hanno dimostrato l’assunzione della cosiddetta «droga da stupro» da parte sua, in un periodo che coincide con quello del soggiorno a Meta.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 18 Maggio 2018, 22:58 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2018 08:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-05-21 10:33:38
molte turiste mericane e inglese vengono in Italia per fare sesso con i giovani come molte italiane vanno in kenia per fare sesso coni bantù
2018-05-19 11:19:19
Personalmente, se mi dovesse capitare un avventura con una turista straniera, mi faccio prima firmare una liberatoria, po col telefonino faccio un video col quale lei mi dichiara di essere nel pieno della facoltà mentali e di voler avere un rapporto sessuale con me; specificando tra l'altro anche le modalità di esecuzione dello stesso. Poi mi metto all'opera.
2018-05-19 10:07:33
Nessun dubbio che la tesi difensiva sarebbe stata questa, l'unica percorribile da imputati di reati simili e la più produttiva in assenza di denunce o ricoveri immediati che attestassero la violenza subita.
2018-05-19 08:39:40
prima di dare la patente di Mostruosita' a questi signori bisogna accertare minuziosamente la verita'.... io all' Alimuri ci sono stato piu' di una volta notando la regolarita' della conduzione
2018-05-19 08:39:28
Alla fine si beccherà la calunnia. Poveraccia dove è capitata! Noli tangere Surrentium!

QUICKMAP