Spunta la pista degli incontri di boxe
dietro la scomparsa di Luigi Celentano

di Ciriaco M. Viggiano

  • 103
META - Potrebbe esserci un incontro clandestino di boxe dietro la scomparsa di Luigi Celentano, il 18enne sparito da Meta il 12 febbraio dello scorso anno? Sì, almeno stando a quanto dichiarato dal padre Giovanni alle telecamere di "Chi l'ha visto?": al momento della scomparsa, secondo l'uomo, il ragazzo sarebbe stato pronto ad affontare un match per incassare una somma di 500 o di mille euro.

«Luigi mi chiese di allenarlo in vista dell'incontro con un suo coetaneo», riferisce Giovanni Celentano che collega la scomparsa del figlio proprio a quel match avvolto nel mistero. Già, perché questa ipotesi presenta molti lati oscuri: chi sarebbe stato l'avversario del 18enne metese? Chi avrebbe organizzato e dove si sarebbero tenuti gli incontri clandestini? E quale sarebbe stata la posta in palio? A smentire queste voci, sempre davanti alle telecamere di "Chi l'ha visto?", è la madre di Luigi: «Non mi risulta che mio figlio fosse dedito al pugilato - fa sapere Fulvia - A casa della nonna si allenava con i pesi, ma solo per sentirsi più bello perché era un tipo piuttosto vanitoso». Eppure, prima di fuggire, Luigi disse di sentirsi minacciato aggiungendo che di lì a qualche giorno sarebbe stato ammazzato. Possibile che l'improvviso allontanamento del giovane sia dovuto alle conseguenze della sua partecipazione all'incontro di boxe? Chissà.

Sulla vicenda è sempre alta l'attenzione della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, che ha aperto un’inchiesta affidandola al sostituto Emilio Prisco, e dei carabinieri della compagnia di Sorrento, agli ordini del capitano Marco La Rovere. Al momento non ci sono indagati né ipotesi di reato e la pista più credibile resta quella dell’allontanamento volontario. Sarà proprio il lavoro di inquirenti e investigatori a chiarire da chi o da che cosa Luigi sia fuggito e, soprattutto, dove si sia rifugiato.
Venerdì 9 Febbraio 2018, 19:54 - Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 10:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP