Saldi, dalle griffe ai mercatini
​super sconti al via da venerdì

di Cristina Cennamo

0
  • 52
Meno tre. A Napoli, per mettere le mani su quel capo già avvistato nei giorni di Natale ma troppo caro, bisognerà aspettare il 5. La stagione delle svendite, del resto, non sarà lampo: da noi i saldi termineranno il 2 aprile. E a ben vedere, non sono pochi i negozi, ma anche alcune grandi griffe, che hanno già proposto da tempo i pre saldi che, in realtà, hanno ben poco da invidiare in quanto a percentuale di sconto. Tre mesi per rinnovare il guardaroba, insomma, eppure stando ad un'indagine commissionata da Confesercenti le famiglie spenderanno 150 euro l'una a fronte di un'adesione di massa delle attività commerciali che praticheranno sconti anche del 30 o 40% ma anche il 50.

E quest'anno le aziende promettono sconti medi di partenza anche più alti del solito: più della metà partirà con il 30% mentre il resto praticherà riduzioni iniziali comprese tra il 40 ed il 50% del prezzo di cartellino. Attenzione, però, alle fregature. Per poter praticare i saldi infatti i negozi devono rispettare alcune regole, prima fra tutte quella secondo cui il prezzo originale di ogni prodotto deve essere indicato in modo inequivocabile, vicino alla percentuale di sconto ed al prezzo scontato. Le merci in saldo devono essere tenute in zone separate rispetto a quelle non in saldo, in modo da non indurre in errore. Quindi, potrebbe tornare comodo utilizzare questi tre giorni di tempo in attesa dei saldi per verificare i prezzi dei capi presi di mira e magari provarli. Attenzione in ogni caso ai saldi con percentuali troppo elevate e agli importi scritti con il pennarello, mentre in caso di acquisto per regalo è bene prendere accordi con il commerciante per l'eventuale cambio. Tra i consigli per i saldi proposti dalla Guardia di Finanza nelle pagine web istituzionali, poi, vale la pena di ricordare che bisogna essere sicuri che la merce sia veramente quella di stagione e non un avanzo di magazzino.

La legge prevede infatti che i saldi non riguardino tutti i prodotti ma solo quelli di carattere stagionale e quelli suscettibili di notevole deprezzamento. Il venditore è tenuto inoltre ad applicare lo sconto dichiarato, quindi se alla cassa viene praticato un prezzo diverso da quello promesso sul cartellino sarà bene contattare l'ufficio di Polizia Annonaria del Comune. Attenzione poi ai Pos che non funzionano : i negozianti convenzionati con una carta di credito sono tenuti ad accettarla anche durante i saldi, e se si rifiutano o richiedono un prezzo più elevato sarà bene rappresentarlo alla società che ha emesso la carta. Infine, conservate sempre lo scontrino, perché anche se l'acquisto è stato fatto nel periodo dei saldi la legge garantisce all'acquirente il diritto di cambiare la merce persino dopo due anni se nuovo, almeno dopo un anno se usato.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 2 Gennaio 2018, 09:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP