Rapinò ciclomotore: in manette il rampollo del boss De Luca Bossa

  • 41
i carabinieri del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli a carico di Emmanuel De Luca Bossa, 19 anni, di Napoli, già noto alle forze dell'ordine e figlio di Antonio, capo dell'omonimo clan camorristico attualmente detenuto. Il giovane, armato di pistola, assieme a un complice in via d'identificazione, lo scorso 24 agosto rapinò il ciclomotore a un passante a corso Garibaldi. È stato rinchiuso nella casa circondariale di Poggioreale. 

Altri controlli straordinari per il contrasto all'illegalità diffusa dei carabinieri delle compagnie cittadine, del nucleo Radiomobile e del reggimento Campania hanno portato all'arresto di tre persone: una donna per detenzione di arma da fuoco e di cocaina, un tunisino per scippo, e il figlio di un boss in esecuzione di un ordine di custodia cautelare disposto dalla magistratura dopo indagini dell'Arma. Ai domiciliari è finita Concetta Lonato, incensurata di 52 anni, nella cui camera da letto i militari di Napoli Centro hanno rinvenuto 20 grammi di cocaina e una pistola semiautomatica calibro 9 con tanto di silenziatore. I carabinieri della compagnia Stella, invece, hanno arrestato nella zona del Vasto il 27enne El Ghepsi Ahbdulla, un tunisino già noto alle forze dell'ordine che si era appena appropriato della borsa di una turista cinese con dentro denaro, portafoglio, due telefonini ed effetti personali. 
Lunedì 22 Ottobre 2018, 13:02 - Ultimo aggiornamento: 22-10-2018 13:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP