Ospedale del Mare, De Luca taglia ginecologia: «C'è già Villa Betania a Ponticelli»

  • 52
Il reparto di ginecologia sarà tolto dall'ospedale del Mare per la vicinanza con villa Betania «dove ogni anno ci sono 1.200 nascite». E' quanto spiega Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, in merito al trasferimento del reparto di ginecologia dall'Ospedale del mare. Proprio sulla struttura ospedaliera di Napoli est, De Luca fa sapere che «ci stiamo muovendo in emergenza».

«È stato messo in piedi ospedale nuovo - ha affermato - senza pensare alle procedure concorsuali che vanno organizzate per tempo».

 
 

«C'è una condizione di sofferenza, ma stiamo cercando di recuperare - ha sottolineato - nonostante i ritardi noi abbiamo deciso di aprire, altrimenti ci troviamo dentro gli occupanti abusivi e si prendono anche i cavi di rame». De Luca ha, infine, fatto sapere che «a giorni procederemo con la sospensione della convenzione con una struttura che fa ancora il 90% dei parti cesarei per le primipare».

«Cominciamo a dare un segnale forte - ha concluso - a chi vuole guadagnare sulla pelle delle donne». 


«Siamo impegnati ad approvare un Piano ospedaliero senza cedere a questioni di parte». ha detto Vincenzo De Luca. «La sanità è stata considerata per decenni serbatoio di voti, dal centrodestra e dal centrosinistra - ha affermato - si è stati permeabili a situazioni e spinte di chi, di volta in volta, voleva tutelare dell'imbecillità, di chi vuole salvare privilegi».


«Ora basta, questa storia è finita - ha aggiunto - Possiamo essere la prima regione d'Italia per sanità per le nostre eccellenze». De Luca ha evidenziato che si sta lavorando anche sul fronte dei pagamenti. Ha ricordato che «nelle Asl non era informatizzato nulla». «Arrivano i medicinali e invece di registrare subito - ha sottolineato - passano mesi, passaggi manuali che servono a rubare». «Ho una sola amarezza che deriva dal pensare a quanti decenni abbiamo perduto, un delitto - ha concluso - Ora dobbiamo fare una corsa per recuperare problemi che nel tempo si sono incancreniti nel tempo»


«Siamo stati al Ministero dell'Economia per fare esame di riparazione» ha concluso De Luca, «Un dirigente ministeriale ha letto il nostro bilancio voce per voce - ha affermato - ha fatto le pulci al documento». «Ci abbiamo messo 5 ore - ha aggiunto - è solo 5 minuti sono stati dedicati ai Lea». «Si valutano i conti e non le prestazioni - ha concluso - questa è l'ultima occasione che abbiamo per svoltare, altre non ce ne saranno».
Sabato 30 Settembre 2017, 12:08 - Ultimo aggiornamento: 30-09-2017 12:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP