Il volto di Falcone cerchiato,
allarme della Dda di Napoli

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

  • 119
Parole e fotografie cerchiate in rosso, ritagli di giornale conservati e mostrati ai propri parenti, nei brevi e asettici contatti consentiti dal rigore del carcere duro. E ancora quel cerchio rosso che ritorna attorno al titolo di giornale, a proposito dell'utilità della strage di Capaci e della lotta antimafia.

Segnali sinistri dal 41 bis, materia potenzialmente esplosiva, quanto basta a far scattare una sorta di allarme - non allarme rosso, ma pur sempre clima di vigile attenzione - tra i magistrati della Dda di Napoli. Segnali che sollevano suggestioni sgradevoli, che si aggiungono ad altre tracce ricavate in questi mesi dai pm del pool anticamorra della Dda di Napoli: intercettazioni, parole poco gratificanti verso i pm, verso quel magistrato (uomo o donna, a seconda dei casi) che hanno firmato un trasferimento in regime di carcere duro, che hanno reso esecutivo una nuova restrizione nei colloqui tra detenuti e familiari.

Spesso parole in libertà, magari offese rivolte alla toga di turno, ma anche un frasario che si aggiunge ad altri tasselli destinati ad entrare in un mosaico di insieme.


Continua a leggere sul Mattino Digital
Lunedì 17 Luglio 2017, 09:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP