Choc a Napoli, 13enne in coma etilico ricoverato in fin di vita al Santobono

di Mariagiovanna Capone

6
  • 3930
Ennesima tragedia che coinvolge un minorenne durante la movida del sabato sera. Un ragazzo di appena tredici anni è giunto intorno alle 23.30 all'Ospedale Santobono con un codice rosso. Privo di sensi, il ragazzino versa in gravi condizioni per intossicazione da alcol e coma etilico ed è attualmente ricoverato nel reparto di rianimazione del nosocomio vomerese. Le prime analisi effettuate sul tredicenne mostrerebbero anche una positività ai cannabinoidi, segno di una notte da sballo che coinvolge ormai troppo spesso vittime sempre più giovani che assumono con spregiudicatezza alcolici e stupefacenti. Il coma etilico rappresenta la conseguenza più grave dell'intossicazione acuta da alcol e l'effetto si raggiunge quando il livello di etanolo presente nel sangue è circa il 3-4 per mille ma negli adolescenti questo valore si abbassa di molto. Il coma etilico è estremamente pericoloso e può essere letale perché provoca arresto cardiaco o respiratorio. Adesso le forze dell'ordine dovranno verificare in che modo il ragazzo ricoverato al Santobono si è procurato gli alcolici: se acquistandolo in un supermercato oppure in un bar.

La chiamata al 118 da San Sebastiano al Vesuvio è arrivata da suoi amici. Gli operatori giunti sul posto lo hanno trovato incosciente per strada.
Domenica 27 Maggio 2018, 01:06 - Ultimo aggiornamento: 27-05-2018 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-05-29 16:28:03
Ma la colpa è solo dei genitori o anche dei gestori dei bar che se ne fregano di dare superalcolici ai minori? Guardate che ce ne sono più di quanto immaginate!
2018-05-27 19:46:45
Chiedo scusa. Ma perchè nel titolo non c'è San Sebastiano al Vesuvio invece di Napoli
2018-05-27 12:46:17
13 anni in coma etilico? E i genitori? Vai tolta la patria podestà
2018-05-27 12:15:06
tredici anni in giro di sera tardi, chi incolpare?
2018-05-27 10:33:32
Ci sono leggi giuste a protezione della salute dei giovani : perchè non vengono osservate e perchè nessuno controlla ?

QUICKMAP