Musei, nuovo stop a direttori stranieri. Bellenger: burocrazia mette in ginocchio l'Italia

«​La decisione odierna del Consiglio del Stato è l'ennesima dimostrazione che la burocrazia in Italia mette in ginocchio il Paese, crea una grande incertezza per le competenze venute dall'estero, dopo aver lasciato solide e prestigiose posizioni professionali per candidarsi alla guida dei musei italiani. Tutto questo è gravissimo e nuoce moltissimo all'Italia e agli italiani​». Lo dichiara il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger commentando la decisione odierna del Consiglio di Stato.

​«I successi della riforma Franceschini sono sotto gli occhi di tutti - aggiunge Bellenger - e non solo in termini numerici, come aumento dei visitatori, ma anche in termini di visibilità: i musei, le loro preziose collezioni, le mostre e le altre attività sono tornati nella coscienza e nel dibattito pubblico dopo molti anni. Noi continuiamo a lavorare sereni agli importanti progetti pluriennali sul museo e sul bosco, perché una seria politica culturale non si improvvisa, ma si programma almeno per il quinquennio successivo».​
Venerdì 2 Febbraio 2018, 16:01 - Ultimo aggiornamento: 03-02-2018 10:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP