Monte di Procida, abusivismo edilizio
e chiusura di via Cappella: chiesto
consiglio comunale straordinario

demolizione in via Croci
di Patrizia Capuano

MONTE DI PROCIDA. Un consiglio comunale straordinario: è la richiesta protocollata ieri in municipio dalla minoranza di governo. L’istanza punta a  discutere di abusi edilizi e abbattimenti, anche alla luce della recente demolizione in via Croci; della chiusura di via Cappella per un palazzo pericolante; dei lavori stradali in via Diaz e via Giovanni da Procida per il progetto Grandi Laghi. Il documento è firmato dai consiglieri Rocco Assante, Rossana Scotto di Carlo, Nunzia Scotti, Carmela Pugliese e Paola Carannante.

«Abbiamo richiesto questo consiglio comunale su tre argomenti che, al momento, tengono in apprensione la popolazione e sui quali la politica deve necessariamente confrontarsi – spiega il consigliere Rocco Assante, capogruppo di FareFuturo - Sulla questione abbattimenti, senza assolutamente voler fare speculazione, c’è bisogno di un dialogo forte tra tutte le forze politiche. Le altre questioni invece, relative ai lavori di via Diaz – via Giovanni da Procida e alla chiusura di via Cappella, esigono una risposta chiara e definitiva da parte della amministrazione. Tra continui rinvii per approfondimenti tecnici o amministrativi, sono passati mesi senza di fatto assumere decisioni definitive che possano portare ad intravedere una soluzione». Dal canto suo il sindaco Giuseppe Pugliese replica: «Non abbiamo alcun problema e presto convocheremo la seduta civica richiesta. Sui punti in oggetto stiamo lavorando speditamente e spiegheremo, alla minoranza e ai cittadini, come  si procede per risolvere tali problematiche».

Tra queste via Cappella. Dallo scorso marzo, un tratto della strada parallela al viale Olimpico è off limits al traffico veicolare per il rischio crollo di un palazzo. Dopo i confronti, si attendono interventi al fine di mettere in sicurezza l’edificio e rendere di nuovo percorribile l'arteria viaria considerando anche i rischi per i soccorsi. Tra gli altri temi temi, l’abusivismo. A Monte di Procida ci sono circa 3mila richieste di condono edilizio. E solo dieci giorni fa le ruspe hanno iniziato l’abbattimento di una palazzina di quattro piani. Intanto da ieri c’è una new entry in giunta. Vincenzo Scotto di Santolo, già consigliere di maggioranza, è stato nominato assessore con delega a centri sociali, cimitero, portualità e spiagge, trasporti marittimi, Acquamorta.
Venerdì 13 Ottobre 2017, 10:01 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 10:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP