Maltempo, danni in Italia, nella notte temporali in Campania: il bollettino della Protezione civile

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 1217
Temporali, violente folate di vento e primi fiocchi di neve: era stata annunciata per tempo l'ondata di maltempo che da ieri sera e per qualche giorno ancora funesterà gran parte d'Italia, con il merito tuttavia di chiudere la difficile parentesi della siccità. Sono stati molti però i disagi per i cittadini, che in molti casi hanno dovuto far ricorso ai vigili del fuoco, chiamati oggi agli straordinari.  Allerta arancione su Friuli Venezia Giulia e Campania. L'avviso prevede precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale.

In particolare, Protezione civile della Regione Campania ha diramato un'allerta meteo con conseguente criticità idrogeologica di colore Arancione dalle 20 per 24 ore sull'intero territorio regionale (fatta eccezione per l'alta Irpinia, il Sannio e il Tanagro dove il livello di allerta è Giallo). Il rischio idrogeologico nelle zone dove l'allerta è Arancione si prevede «diffuso» mentre sarà «localizzato» nelle zone ad allerta Gialla. La Protezione civile «raccomanda alle autorità competenti di tutto il territorio regionale di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni, anche in ottemperanza dei rispettivi piani comunali».

Poi, i fenomeni si estenderanno a Calabria e Puglia. I temporali saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. sempre dalle prime ore di domani sono previsti venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, sulla Sicilia e dai quadranti meridionali su Calabria e Puglia, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.
 


In Toscana, più precisamente a Marciana, sull' isola d'Elba, due donne sono rimaste lievemente ferite in seguito dalla caduta di un albero che ha centrato l'auto su cui stavano viaggiando. Ancora in Toscana le forti piogge hanno provocato l'allagamento di sottopassi, strade, garage e scantinati. Allagamenti si sono verificati anche a Milano dove le piogge sono iniziate intorno alle 2 della notte, ma soprattutto nella Capitale, con strade allagate in centro, in periferia e sul litorale. Nevicate si sono registrate in provincia di Bergamo sopra i 2mila metri. Gli avvisi emanati dalla Protezione Civile, soprattutto quello rosso in Veneto e quelli arancioni per altre regioni del centro-nord, hanno consentito alle autorità locali di prendere gli opportuni provvedimenti. Tra questi la chiusura, in mattinata, dell'Aurelia in due tratti a Genova e Savona. Per i prossimi giorni non è previsto un miglioramento sostanziale delle condizioni meteo: la Protezione Civile ha messo una allerta rossa a partire da questa sera per la Basilicata e ha confermato un avviso di stessa entità per il Veneto.Il maltempo ha interessato anche il Piemonte, con temporali accompagnati da forti scariche elettriche che hanno provocato numerosi guasti alle linee dell'alta tensione.

Paura nell'Alessandrino dove un fulmine si è abbattuto sull'ospedale 'Santi Antonio e Margherita' di Tortona seminando paura tra addetti e pazienti e lievi danni ad un cancello esterno del nosocomio. È tornata l'acqua alta a Venezia, dove secondo gli esperti potrebbe arrivare in tarda serata a 110 centimetri, in linea con un innalzamento del livello che potrebbe estendersi a circa il 12% della città lagunare. Apprensione anche in Liguria, dove in 12 ore sono caduti circa 300 millimetri di pioggia nell' entroterra Savonese e Genovese. Sindaci e addetti ai lavori hanno trascorso la domenica monitorando gli effetti delle piogge incessanti fin dalla notte scorsa, in attesa della fine dell' allerta gialla, prevista per le prime ore del pomeriggio. È stata però una giornata complicata in tutta la regione, come dimostra il fatto che in mattinata un aereo Alitalia partito da Roma per l'aeroporto Cristoforo Colombo di Genova abbia dovuto essere dirottato su Torino. Forti piogge sono cadute anche nelle regioni del Centro, dove è scattata da ieri un' allerta gialla che includeva Abruzzo, Molise e Sardegna. Temporali anche sul Lazio, ma un capitolo a parte lo merita la Capitale che ha dovuto fare i conti con una vera e propria bomba d'acqua che ha provocato, tra l'altro il rinvio della partita all'Olimpico tra Lazio e Udinese. Ma a parte la parentesi sportiva, Roma è tornata a fare i conti con allagamenti diffusi che hanno obbligato gli addetti del trasporto metropolitano a chiudere ben 4 stazioni della Metro A. Col fiato corto anche la circolazione dei treni regionali, che ha subìto cancellazioni di corse e ritardi fino a 40 minuti. Difficoltà anche per un aereo in fase di atterraggio a Fiumicino. Il forte temporale si è fatto sentire pesantemente anche sul litorale, con allagamenti diffusi che hanno reso inaccessibili molti seggi a Ostia durante il voto amministrativo per il Municipio X.
Domenica 5 Novembre 2017, 21:37 - Ultimo aggiornamento: 06-11-2017 08:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP