Reato di branco, così i pm provano a colpire le babygang di Napoli

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

4
  • 599
Provano a dare un nome al nuovo scenario criminale cittadino, a riportare la storia delle baby gang sotto una precisa figura giuridica. Ed è così che la Procura dei minori di Napoli ha usato un nuovo espediente per processare sedici under 18 accusati di un pestaggio avvenuto alcune settimane fa al Vomero. Non solo «rissa» e «lesioni gravi», ma anche un aggravante che punta a fotografare la nuova fenomenologia criminale cittadina - quello delle gang e delle paranze di adolescenti - sotto una fattispecie non proprio abituale: «L'aggravante del motivo futile di predominio del branco giovanile». Un modo per stare al passo con i tempi, per sforzarsi di contrastare in modo adeguato la nuova frontiera criminale che ormai da mesi imperversa in città e nella sua fascia metropolitana. Come a dire: picchiare o organizzare una spedizione punitiva diventa un reato più grave se si considera anche il motivo futile che spinge ad usare la violenza, vale a dire l'esigenza di stabilire il «primato del branco giovanile». Una interpretazione che porta la firma del pm Ettore La Ragione, magistrato in forza alla Procura di Maria De Luzemberger, che ha chiuso l'inchiesta a carico di ben sedici minori, ritenuti responsabili del pestaggio avvenuto in piazza Vanvitelli lo sorso 17 dicembre. Ricordate quelle scene? Siamo all'esterno del gazebo di un bar, tra sabato e domenica notte, quando arrivano in sedici in sella ad otto scooter.
 
Sono tutti di Bagnoli, fissano con lo sguardo un paio di ragazzi intenti a bere una birra, poi fanno inversione di marcia, scendono e aggrediscono i due malcapitati. Non c'è un motivo reale, riflettono gli inquirenti, ma solo la «futile» esigenza di affermare la propria leadership di branco. Ricordate quelle immagini? Sono state veicolate grazie alle indagini dei carabinieri del comando provinciale di Napoli e della compagnia Vomero (guidata dal maggiore Luca Mercadante) e immortalano l'impresa tutt'altro che eroica di un paio di centauri: sono quelli che scendono dallo scooter e impugnano un coltello, per poi ferire - fortunatamente in modo lieve - altri due ragazzini.

Sentito dai carabinieri, uno dei due aggressori armati dirà che aveva accettato lo sguardo di sfida e aveva agito anche per la frustrazione di trovarsi in un quartiere di ricchi, provenendo dalla periferia occidentale di Napoli. Sono tutti di Bagnoli gli indagati. Difesi - tra gli altri - dai penalisti Bruno Carafa, Marco Epifania, Gianfranco Mallardo, ora potranno replicare alle accuse o ammettere la propria partecipazione all'assalto armato di coltello. Un episodio simile a quello avvenuto venerdì scorso a Chiaiano, dove è stato ferito a colpi di calci e pugni lo studente Gaetano, 15enne di Melito. Anche qui nessun motivo valido, ma solo l'esigenza di affermare con la violenza la propria leadership. Quella del branco, il cui tentativo di «predominare» ora più che mai suona come un aggravante con il quale fare i conti una volta finiti in un'aula di giustizia.
 
Mercoledì 17 Gennaio 2018, 08:16 - Ultimo aggiornamento: 17-01-2018 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-01-18 00:47:46
a parte cercare di risolvere al più presto il problema ed essendo un problema che investe tutti, pregherei i difensori che assistono questi soggetti che se, nel caso in cui questi deviati fossero ritenuti i responsabili di quanto accaduto, passare da difensori ad accusatori, senza, per una volta, pensare alla pagnotta. tutti noi abbiamo dei figli , compresi gli avvocati...
2018-01-17 10:55:35
Non hanno bisogno di educazione e istruzione ma di lunghe sedute psicoterapeutiche, altrimenti date del delinquente a tutti i loro coetanei (onesti) meno abbienti come loro.
2018-01-17 10:10:36
Se non si cambiano le leggi e le pene diventano realmente severissime queste iniziative sono solo "aria fritta" e fumo negli occhi per nascondere la verità ovvero che in futuro la situazione peggiorerà ulteriormente!!! Per prima cosa processare i giovani dai 14 anni ai 18 anni come maggiorenni e dai 10 anni ai 13 anni come minorenni (oggi non sono punibili).
2018-01-17 09:58:47
Per quanto buonisti possano essere i Giudici, ritengo che la discriminante sia la presenza di armi da taglio che aggrava la posizione dei colpevoli , escludendo l'ipotesi della bravata improvvisata ed avvalorando la tesi della gravissima violenza premeditata.

QUICKMAP