La Napoli inedita di Sergio Siano e Francesco De Core vista con «Gli occhi di Caravaggio»

di Oscar De Simone

Rivivere la Napoli del seicento e guardarla con “Gli occhi di Caravaggio”.
Questo l’intento del fotografo Sergio Siano  e del giornalista Francesco de Core che con il loro ultimo libro ricco di informazioni e scatti inediti, riportano il lettore in una città ormai lontana eppure sempre attuale. Le immagini della vita reale dei vicoli di Napoli e quelle dei dipinti del grande artista, si “mescolano” e si alternano restituendo una visione nuova ed alternativa del capoluogo partenopeo.
 

“È come se il Seicento non fosse mai passato” dichiara Sergio Siano. “Ancora oggi girando in per i vicoli e per le strade della città, possiamo ritrovare quei volti e sentire le stesse sensazioni che senti Caravaggio”. Proprio la “magia” delle immagini - scattate in giro per la città - sono lo sfondo su cui si sviluppa il testo che descrive uno dei periodi forse più tormentati della vita dell’artista.
 
 

“Questo è il Caravaggio che vive l’ultimo periodo della sua vita” afferma de Core. “Un periodo che è stato certamente il più travagliato ma forse anche il più fecondo della sua carriera. Il personaggio che faccio parlare è un pittore che ormai deve fare i conti con i fantasmi del suo passato, ma che dimostra anche un grande amore per Napoli. Amore che la nostra città ha sicuramente ricambiato”.
Venerdì 24 Novembre 2017, 18:56 - Ultimo aggiornamento: 24-11-2017 20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP