Freskissima: al Posillipo street food di solidarietà con Sorbillo, chef e maestri pizzaioli

ARTICOLI CORRELATI
di Emanuela Sorrentino

Lo street food a sostegno di un progetto per i senza fissa dimora. Il cibo tipico partenopeo protagonista di una serata per raccogliere fondi e creare al Vomero uno spazio con servizi (docce, cucine) per chi non ha una casa. 
Giovedì 6 luglio, alle ore 20, il Circolo Nautico Posillipo (via Posillipo, 5) ospita la terza edizione di Freskissima, l'evento gastronomico organizzato dall'associazione Progetto Abbracci Onlus che dal 2014 promuove iniziative sociali per i più deboli.
 

«Pizza e sfizi 'nterra o' mare» è il tema scelto per questa edizione, presentata nei saloni del Circolo Posillipo - non nuovo a iniziative del genere come ha sottolineato il presidente Bruno Caiazzo - e realizzata con il supporto di Stilelibero: una serata dedicata allo street food napoletano che vede la partecipazione di celebri maestri pizzaioli e autentici campioni del tradizionale cibo da strada napoletano. Dalla pizza fritta al tarallo n’zogna e pepe, dal cuoppo di pesce a ‘o père e ‘o muss, il percorso di degustazione propone grandi classici e nuove rivisitazioni: ci saranno le pizze fritte di Gino Sorbillo, Guglielmo Vuolo, Pasquale Rossi, Giuseppe Pignalosa; la frittura di Nello Falanga, il coppetiello di pesce di Pasquale Torrente di Cetara, ‘o père e ‘o muss di Peppe Aversa chef Una Stella Michelin di Sorrento; i panuozzi di Rosario Sbaglio e i taralli caldi di Marco Infante di Leopoldo. A completare il percorso i gelati di Casa Infante e le graffe calde di Pasqualino Bakery. Ad accompagnare la serata la voce soul della cantante e attrice Helen Tesfazghi e le sonorità eleganti del suo AfroBlue Trio composto dal tastierista Paolo Sessa e dal bassista Roberto D’Aquino.

L'evento è realizzato con il supporto di tanti sponsor: Ferrarelle, Che Birra!, Coca-cola Italia, Agugiaro & Figna, Le 5 Stagioni, Latticini Orchidea, Italcatering e il coinvolgimento di personaggi di spicco del panorama gastronomico.  «Siamo sempre vicini e disponibili come categoria - dichiara il maestro pizzaiolo Gino Sorbillo - nel sostenere simili iniziative che coniugano il cibo tipico napoletano al sostegno sociale e che consentono di realizzare progetti importanti come questo rivolto ai senza fissa dimora».

L’intero ricavato, infatti, viene devoluto per sostenere il progetto "Dimora in poi" promosso da don Massimo Ghezzi della parrocchia di San Gennaro al Vomero. «Abbiamo già raccolto fondi in altri eventi benefici - precisa il parroco - per la costruzione di uno spazio di ospitalità per i senzatetto dotato di spogliatoi, toilette e docce i cui lavori inizieranno a breve. In particolare poi i fondi di Freskissima devoluti da Progetto Abbracci al termine di questa edizione serviranno a creare la cucina e il refettorio con cui garantire pasti caldi. Speriamo di essere già pronti con i primi servizi già a settembre». «Progetto Abbracci - precisa Claudio Zanfagna, presidente di Abbracci Onlus - si occuperà inoltre della formazione e dell’organizzazione dei volontari che prepareranno e serviranno i pasti all'interno della struttura».

Nell'ambito della serata del 6 luglio verrà anche assegnato il premio “Pizza Chef Emergente Campania 2017” ideato e realizzato da Witaly: una sfida tra 12 giovani talenti della pizza, scelti dal critico gastronomico Luigi Cremona, che si esibiranno di fronte a una giuria di esperti che selezionerà i migliori due per le finali nazionali di Roma. Per partecipare a Freskissima si può acquistare un biglietto di 35 euro presso i seguenti punti di distribuzione: Circolo Nautico Posillipo via Posillipo 5, Galleria L'Ariete Via Manzoni 147, Gioielleria De Marco Via Cimarosa 170, Boutique Civico17 via Santa Teresa a Chiaia 44d, Aruta Abbigliamento Via Solimena 91, Gioielleria Ciardulli Piazza Giulio Rodinò 24, Opera Cafè Calata Trinità Maggiore 3 angolo P.zza del Gesù, Opera Officinadelgusto via Luca Giordano 145.

Il progetto nasce dalla volontà di Claudio, Giovanna ed Adriano Zanfagna per ricordare il loro caro Andrea morto prematuramente ad Atene tre anni fa in un incidente stradale. In tre anni Progetto Abbracci Onlus ha realizzato opere importanti a Napoli e in Africa: nel novembre 2016 è stata completata la Scuola elementare/media Andrea Zanfagna nel villaggio Lulamba in Tanzania. A Napoli Progetto Abbracci sostiene l'ospedale Santobono, l'Università Vanvitelli, l'Istituto Filippo Smaldone del rione Sanità e l'Istituto Sant'Antonio La Palma, iniziative a favore dei giovani detenuti di Nisida, dei senza fissa dimora e di un’umanità disagiata e relegata spesso in condizioni di marginalità.
Lunedì 19 Giugno 2017, 13:20 - Ultimo aggiornamento: 19-06-2017 14:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP