Voragine nella Solfatara di Pozzuoli: tre morti inghiottiti nel cratere, distrutta una famiglia intera

ARTICOLI CORRELATI
12
  • 11080
Sarebbero caduti nel fango bollente, in una voragine profonda tre metri, che si è aperta mentre padre e madre stavano inseguendo il figlio: questa la prima ricostruzione della tragedia - secondo quanto si apprende dalla Protezione Civile campana - avvenuta oggi nella Solfatara. Il ragazzino avrebbe superato la cordicella che delimita la zona visitabile penetrando nell'area interdetta alle visite. Ad estrarre i corpi delle tre vittime sono stati i vigili del fuoco.

La voragine dopo l'emergenza maltempo. Così i tre turisti di Venezia sono morti inghiottiti dal cratere che s'è aperto all'improvviso sotto i loro piedi all'interno della Solfatara di Pozzuoli. Distrutta una famiglia intera. Nell'incidente, infatti, sono morti Massimiliano Carrer, 45 anni, la moglie Tiziana Zampella, 42 anni, originaria di Torino, e il figlio di 11 anni, Lorenzo, residenti a Meolo, in provincia di Venezia; un altro loro figlio, 7 anni appena, si è salvato. Non ci sono altre persone in pericolo.
 
 

Sul posto i vigili del fuoco, che hanno chiuso gli accessi all'area, dove si trova anche un'ambulanza del 118, gli agenti del commissariato di polizia di Pozzuoli, il magistrato di turno accorso per i rilievi necessari e il sindaco Vincenzo Figliolia, insieme con i tecnici del comune flegreo.



Inutili i soccorsi
Non è chiaro se i tre siano morti in seguito alla caduta, di circa un metro e mezzo, o in seguito alle esalazioni. Secondo fonti della Solfatara, il figlio della coppia avrebbe oltrepassato una zona interdetta, di «sabbie mobili», con terreno friabile da dove provengono forti esalazioni di gas e perdendo i sensi. Nel tentativo di raggiungerlo, i genitori sarebbero caduti con lui nel cratere che si è aperto sotto i loro piedi, vicino alla caldaia. Per tirare su il piccolo, il padre è stato risucchiato e, a sua volta, la madre che ha cercato di aiutare il marito: entrambi sono stati sopraffatti dalle esalazioni. Inevitabile la tensione per una tragedia enorme.
 

Le testimonianze
«Ho visto un bambino scappare piangendo, non pensavo di trovarmi di fronte alla più brutta tragedia della mia vita», racconta Diego Vitagliano, pizzaiolo napoletano sul lungomare di Pozzuoli molto famoso nel settore e tra gli appassionati. Vitagliano era alla Solfatara per fare un sopralluogo di lavoro: il 19 settembre, ifnatti, avrebbe dovuto cucinare una pizza geotermica nell'ambito della manifestazione di Malazé. Ma si è trovato di fronte a una famiglia distrutta: «Sono sotto choc, una fine terribile per quella che doveva essere una gita tranquilla».

«In 40 anni che lavoro qui, nella mia attività, non è mai successo un incidente all'interno della Solfatara». Armando Guerriero, titolare del caffè a lato dell'ingresso del cratere di Pozzuoli, ha accolto per un paio d'ore il piccolo Alessio, 7 anni, l'unico sopravvissuto nella famiglia torinese vittima della tragedia. Il bimbo piangeva, era sconvolto, invocava il nome della mamma.

Il luogo
L'area vulcanica della Solfatara è proprietà di privati, ed è gestita dalla «Vulcano Solfatara srl». L'area, che ha una forma ellittica, ha un perimetro di 2,3 chilometri. Il punto più alto, Monte Olibano è situato a 199 metri di altezza, il fondo del cratere è a 92 metri sopra il livello del mare. Nell' area sorge anche un Camping. Aperta tutto l'anno, l'area vulcanica ospita anche visite serali. Cartelli, indicazioni di pericolo e steccati in legno per delimitare le zone 'turistiche' da quelle a rischio connotano i percorsi all'interno della Solfatara di Pozzuoli. Nella Solfatara si accede, dopo aver pagato il biglietto di ingresso, ad un tracciato che è possibile percorrere con l'ausilio di guide, a pagamento, oppure da soli, seguendo le indicazioni e i cartelli. La zona è aperta abitualmente anche a visite scolastiche, oltre che serali grazie a un suggestivo impianto di illuminazione notturna. All'interno dell'area c'è anche un camping.

La solidarietà e il lutto cittadino
Il sindaco Figliolia, anche a nome dell'intera amministrazione comunale di Pozzuoli, ha espresso «piena solidarietà alla comunità di Meolo e totale vicinanza della città al sindaco Loretta Aliprandi per quanto accaduto ai suoi concittadini nella nostra terra. È un momento di profondo dolore per noi tutti». Figliolia, d'accordo con la ​G​iunta comunale ha proclamato per domani​ ​13 settembre una giornata di lutto cittadino in segno di cordoglio per le vittime della tragedia della Solfatara e di vicinanza ai familiari e alla comunità di Meolo.​ Questa mattina in un incidente avvenuto all'interno del cratere della Solfatara sono morti un 47enne, la moglie 45enne e il figlio 11enne.

 
Martedì 12 Settembre 2017, 13:16 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 09:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-09-13 16:24:41
Per il bene dei telespettatori Una notizia del genere va data una sola volta ...Poi agire di conseguenza contro i responsabili dell'immane tragedia ! "Non e' possibile che ogni 10 minuti ci sia un tg che ci bombardi da questa triste notizia ! Via gli sciacalli dalle tele comunicazioni !
2017-09-13 08:09:55
RACCAPRICCIANTE
2017-09-13 00:20:31
Oplontis72, charlie, giovauriem i vostri commenti sono cosi meschini che dimostrano quanto poco cervello occupo spazio nelle vostre teste vuote ,non avete minimamente conoscenza del posto e parlate a caso. Vergognatevi
2017-09-12 16:27:20
Se fossero state rispettate le indicazioni, cioè transenne e divieto, non sarebbe successo nulla...i guardiani non possono mica guardare a vista ogni ospite...specialmente se scavalca improvvisamente!!!!!
2017-09-12 15:53:49
che squallore questi commenti. di fronte ad una tragedia simile meglio tacere.

QUICKMAP