Consulenze e diritti con Gesco
e Federconsumatori a Napoli

Da sinistra: Sergio D'Angelo, Maria Vittoria Luongo, Davide Di Luccio, Ileana Capurro, Ornella De Filippo, Angela Senese, Rosario Stornaiuolo, Antonio D'Amore, Mariaelena Fazio
di Danilo Capone

Da un’intesa tra il gruppo di imprese sociali Gesco ed il dorso campano di Federconsumatori, nei prossimi mesi,ogni giovedì dalle 12:30 sino alle 16 al ristorante “il Poggio” – in via Nuova Poggioreale 160 C a Napoli – garantiranno consulenze gratuite in materia di diritto dei consumatori da parte di un équipe di professionisti. In campo il presidente di Federconsumatori Campania Rosario Stornaiuolo, il presidente del gruppo Gesco Sergio D’Angelo e la squadra di tecnici pronta ad assistere l’utenza.
 
 


«La nostra idea – dice Stornaiuolo – subito sposata da Gesco è proprio quella di fare rete. Da soli è molto più difficile conquistare i diritti negati. In una città come questa stare insieme diventa un obbligo, una necessità». La decisione di erogare un servizio di consulenza all’interno del ristorante “il Poggio” non è casuale. «Gesco svolge un lavoro contiguo, promuovendo l’attività delle persone per i diritti di cittadinanza – interviene D’Angelo – Cosa abbiamo realizzato con il Poggio? Innanzitutto, si è trattato di un’operazione di rigenerazione urbana e sociale al tempo stesso. In un territorio ai margini, abbiamo scelto di riconvertire la destinazione di un vecchio capannone industriale. I cittadini vengono qui per mangiare, per la presentazione di un libro, per uno spettacolo o per l’ispirazione di Federconsumatori. Qui abbiamo offerto quaranta opportunità di lavoro a tempo indeterminato senza ricorrere alle tutele crescenti, selezionando ragazzi a noi segnalati dagli istituti alberghieri, dai servizi sociali del territorio e il Ministero di Giustizia». 

Ed ecco la squadra per le tutele in materia consumeristica. L’avvocato Ileana Capurro, responsabile della consulta giuridica provinciale e regionale di Federconsumatori. Come opera Federconsumatori? «Vogliamo offrire un supporto per evitare e precedere il contenzioso – precisa Capurro –. Al di là dei costi, il ristoro che deriva da una sentenza non è mai vero e pieno al cento per cento». L’avvocato Davide Di Luccio opera nel settore delle telecomunicazioni: «Oltre al lavoro sul contenzioso vero e proprio, verifichiamo quei comportamenti che le società non dovrebbero avere con gli utenti». Allo sportello immigrazione l’avvocato Angela Senese: «Mi occupo delle problematiche legate alla persona. Pensiamo ad esempio al permesso di soggiorno». La psicologa Mariaelena Fazio, oltre al lavoro agli sportelli per persone affette da disabilità e per persone transessuali, offre sostegno a persone oppresse da forte stress a causa di disagi legati ai contenziosi. Infine, alle volontarie Maria Vittoria Luongo ed Ornella De Filippo spettano compiti di front office.
Venerdì 13 Ottobre 2017, 10:43 - Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 20:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP