Maltempo sulla Campania, allerta meteo declassata: da arancione a gialla

ARTICOLI CORRELATI
  • 472
La Protezione civile della Regione Campania, dopo aver valutato «le attuali condizioni meteo e analizzato i modelli matematici», ha prorogato la criticità idrogeologica fino alle 16 di domani pomeriggio; dalle 22, considerata una attenuazione dei fenomeni, il livello di allerta passa da arancione (attualmente in vigore) a giallo. Si prevedono ancora «precipitazioni sparse, anche a carattere di moderato rovescio o temporale con raffiche di vento nei temporali». Una situazione che potrà dare luogo a fenomeni di dissesto idrogeologico localizzato come «ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); Occasionali fenomeni franosi superficiali legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili».

Nella zona 1 (Piana campana, Napoli, Isole, comuni costieri dell'area vesuviana) il mare si presenterà agitato al largo e lungo le coste esposte delle isole. Sulle zone 2 (Alto Volturno e Matese) 4 (Alta Irpinia e Sannio) e 7 (Tanagro) permane anche l'allerta per vento. Attualmente, la perturbazione che insiste sulla regione, ha fatto registrare abbondanti precipitazioni sulle isole del Golfo (Ischia, Capri e Procida) nonché in alcuni comuni del Casertano (tra cui Casagiove, Casapulla, Limatola, Caserta, Teano, Caianello, Cellole e Valle di Maddaloni) del Napoletano (e in particolare nell'area nord tra Pozzuoli, Villaricca, Calvizzano e Qualiano).
Lunedì 22 Ottobre 2018, 14:02 - Ultimo aggiornamento: 22-10-2018 18:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP