Baby spacciatori a Napoli, il gip conferma: i genitori perdono la patria potestà. Trentacinque condanne nel clan

ARTICOLI CORRELATI
  • 641
Confermata la perdita della patria potestà per i genitori di sei bambini, tra gli otto e i dodici anni di età, che venivano utilizzati per confezionare e spacciare droga e che nel gennaio dello scorso anno, su disposizione del Tribunale dei minori, furono affidati a case famiglia. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Napoli Federica Colucci, che ha accolto le richieste del pm della Dda Antonio D'Alessio a conclusione del processo con rito abbreviato nei confronti di presunti esponenti del clan Elia, attivo nella zona del Pallonetto di Santa Lucia, nel centro di Napoli.
 

Trentacinque le condanne, a pene varianti dai 20 ai 5 anni di reclusione, nei confronti di imputati - tra cui 12 donne - accusati di gestire il traffico di droga e controllare importanti piazze di spaccio. Le pene più alte (20 anni) sono state inflitte a Antonio e Ciro Elia, Adriana Blanchi, Giulia Elia, Anna De Muro, e Bruno Pugliese. Nel corso delle indagini dei carabinieri le riprese effettuate con microcamere mostrarono bambini intenti a confezionare dosi e, in alcuni casi, a spacciare dosi di cocaina, haschish, e marijuana. Il blitz scattò il 17 gennaio quando vennero eseguiti 47 arresti.
Lunedì 12 Marzo 2018, 20:00 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2018 21:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP