Armi alla Libia, Tofalo (M5s) su Fb:
«Agisco nell'interesse dell'Italia»

ARTICOLI CORRELATI
6
  • 11
«Sapevamo fin dal primo giorno che non sarebbe stato facile. Quando con onestà e competenza combatti il marcio del sistema, il sistema stesso reagisce violentemente contro di te. Hanno attaccato mediaticamente molti miei colleghi e questa volta è toccato a me. Mi sto adoperando, nell'esercizio delle mie funzioni parlamentari e nell'esclusivo interesse della Nazione, per facilitare dialoghi internazionali per la pace, e mi sveglio con il mio nome su tutti i quotidiani. Questi sono momenti utili a misurare il grado di onestà intellettuale di chi ti circonda».

Così il componente del Copasir Angelo Tofalo (M5S), a proposito dell'inchiesta della procura di Napoli sul traffico d'armi, che lo ha visto presentarsi spontaneamente davanti a magistrati per spiegare i suoi rapporti con una degli arrestati, Anna Maria Fontana. «Operare - spiega Tofalo in un post su Facebook - sempre la scelta più giusta è difficile, bisogna credere fermamente nelle proprie potenzialità e in quelle di chi ci accompagna nel viaggio. Se non vuoi vivere situazioni scomode si può, basta fare scelte facili come girarsi dall'altro lato. Il premio però, se decidi di resistere, è un'armatura indistruttibile. Continuo a lavorare duramente perché ci credo come il primo giorno. Sono molto tranquillo e ringrazio le innumerevoli persone, moltissimi attivisti, che mi hanno contattato in queste ore dandomi il loro sostegno. Ringrazio in particolare - conclude - quei parlamentari di altre forze politiche che hanno preferito esprimermi parole di solidarietà anziché lucrare su questi articoli suggestivi e fantasiosi».
Giovedì 16 Febbraio 2017, 12:12 - Ultimo aggiornamento: 16-02-2017 12:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-02-17 00:52:59
Ora basta, a casa!! Anche le armi adesso... Gridano Onestà e poi ci giocano contro, contro la nostra amata Patria, traditori!!
2017-02-16 20:33:36
Invece di far filosofia dica chi l'ha mandato in Libia e perche', e chi sono "i sapevamo". Poi potremo commentare seriamente.
2017-02-16 18:57:01
@sergenteromano: non lasciarti abbindolare dalla stampa, questi vogliono far fuori il M5S perche' se vince le elezioni finisce la pacchia...
2017-02-16 15:54:30
bel modo di dare le notizie. a iniziare dal titolo. "armi alla libia" - "agisco in nome dell'italia". non c'è nesso alcuno tra la prima frase e la seconda. la notizia VERA, che il gerillo si è presentato SPONTANEAMENTE, non c'è. nell'articolo: non si dice chi è st'annamari fontana, a che titolo è coinvolta. e ancora: un genericissimo accenno a "incihesta della procura di napoli sul traffico d'armi" di chi verso chi? verso "la libia"? verso la lbia chi? verso la libia dove? grazie che poi c'è chi commenta come "sergente romano"!
2017-02-16 15:26:28
La macchina del fango colpisce ancora...

QUICKMAP