Molte graffe, poche giostre: la nuova Edenlandia tra ombre e luci

di Giovanni Chianelli

16
  • 1324
Digitando su Google «Edenlandia» esce fuori un numero info. Ma il telefono respinge la chiamata: quel numero, ieri, non è attivo. Potrebbe essere questo il simbolo della partenza balbettante dell'Edenlandia 2.0, riaperto da quasi due mesi dopo anni di chiusura e già al centro di diverse critiche. Prezzi alti, poche attrazioni attive, aspettative non soddisfatte.

«Difficilmente tornerò», dice Manola. Ha portato giorni fa la figlia al parco di divertimenti e ne è uscita delusa. Perché ha trovato la maggior parte delle giostre chiuse e non è la prima volta: «Sono venuta a luglio e si è detto che a settembre avremmo potuto usare tutte le attrazioni, anche quelle di una volta che avevamo tanto decantato ai nostri ragazzi. Ho atteso qualche giorno dopo l'inizio del mese: è stato brutto appurare che non sono ancora aperti» racconta. Qualcuno si lamenta dei prezzi: «Troppo alti per un numero tanto basso di giostre. Chiaramente, essendocene solo alcune, si è portati a rifarle e a spendere molto avendo usufruito di poco» dichiara Sergio. Donato, un anziano, lamenta invece l'assenza di panchine. Andrea va al di là: «Più che appena aperta sembra che stiano per chiuderla di nuovo». Su Tripadvisor la musica non cambia: su 258 commenti 64 sono «pessimo», 54 «scarso» e il resto lo valuta «mediocre», mentre le recensioni positive sono pochissime. Anche qui piovono le critiche: «Fanno pagare i giri in giostra a chi accompagna una bimba di due anni». Sul sito si legge, ancora prima di aprire la pagina, «L'attesa è finita». E nei viali risuona l'inno dal refrain «La magia è tornata». Però tutti i giochi di una volta, quelli a cui il vecchio pubblico si era affezionato, sono accompagnati dalla dicitura «next opening»: gli attesissimi tronchi, la nave e il castello di Lord Sheidon, la casa stregata, il Festival delle beffe e la Vecchia America.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 14 Settembre 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 14-09-2018 13:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-09-16 15:34:41
..e i proprietari di edenlandia avrebbero speso 89 milioni di euro per compiacere de magistris? nessuno impedisce a nessuno di andare a san sebastiano al vesuvio... buon divertimento. ma è possibile che chiunque tenti di intraprendere una iniziativa ci sono sempre i "soloni" che danno il loro giudizio senza conoscere i fatti e documentarsi. invece di distruggere " a capocchia" rimbocchiamoci le mani e diamo il nostro contributo alla città, poi se ci sono interessi politici o personali per criticare a prescindere, fate pure. p.s.: amus, ma in che lingua ha commentato? ma lei é di napoli?
2018-09-14 20:13:20
Come distruggere anche i dolci ricordi d’infanzia
2018-09-14 17:52:54
L'apertura anticipata è stata solo propaganda elettorale per De Magistris.
2018-09-14 15:10:45
Na tristezza, le graffe me le ricordo fritte nell'olio marrone....è cambiato qualcosa? A pochi Km in San Sebastiano al Vesuvio c'è Vesuvilandia in un decimo di spazio ha molte attrazioni e nel corso degli anni i proprietari hanno sempre migliorato l'offerta Meritiano come napoletani molto di più che avventurieri paccottisti.
2018-09-14 15:04:13
tenete duro , ci sara' tra non molto l' Evento : il cosiddetto sindaco che dal banchetto dara' lo zucchero filato ai bambini.....dietro pagamento s'intende

QUICKMAP