Il sovrintendente Garella: «Metrò, il Plebiscito resta la soluzione migliore»

di Pierluigi Frattasi

5
  • 37
«Sulle grate al Plebiscito decideremo nel giro di una decina di giorni. È un tema importante e non credo che si possano tenere in sospeso per mesi enti, stazioni appaltanti e società. Aspettiamo di leggere le carte che saranno trasmesse dal Comune. E contiamo di arrivare in tempi rapidi alla conclusione». È chiaro il sovrintendente Luciano Garella, che in questi giorni è fuori città e non ha ancora potuto visionare il dossier realizzato da Metropolitana di Napoli e Ansaldo Sts e consegnato lunedì a Palazzo San Giacomo. «Confidiamo - spiega - che le società abbiano impiegato questi 20 giorni per meglio definire gli elementi di contorno che sono stati già alla base della prima autorizzazione. Aspettiamo di vedere gli approfondimenti, le relazioni e i grafici integrativi, prima di poterci esprimere». Costi esorbitanti, tempi e ingombri moltiplicati, impatto archeologico e rischi geologici, oltre a numerose interferenze con i sottoservizi, i motivi principali contenuti nel dossier che sconsiglierebbero, secondo i tecnici, la localizzazione della camera di ventilazione del metrò della Linea 6 in Largo Carolina e giocherebbero, invece, a vantaggio di piazza del Plebiscito, dove si trovano già le cavità realizzate negli anni '90 per l'ex Ltr, individuata come unica soluzione percorribile. «Non conosco i documenti - ribadisce Garella - ma è comprensibile che i tecnici sottolineino come utilizzare dei locali già esistenti, anziché scavare un pozzo ex novo, sia più sicuro».

Sovrintendente, quali sono i prossimi passi?
«Valuteremo i documenti. Non è escluso che possano essere sottoposti anche all'attenzione della Direzione generale del Mibac. Per come si è determinata, si tratta di una procedura singolare, che si decide in corso d'opera».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 14 Novembre 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2018 14:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-11-14 20:13:56
Spero che il buon senso abbia il sopravvento, e che i lavori proseguano là dove erano iniziati, ossia a P.zza Plebiscito. La sicurezza di una Metro (un'opera grandiosa e non 'na pazziella!) è ben più importante di un piccolo, insignificante inestetismo creato per pura necessità in una grande piazza. Disturbano il concerto di Capodanno? Perchè non spostare altrove le statue esistenti, che danno molto più fastidio e sono meno utili della camera di ventilazione?
2018-11-14 14:47:34
indimeno che sta metropolitana sono quasamente quarantanni e non lanno ancora finita
2018-11-14 11:45:26
Non capisco il perchè i lavori bisogna farli sempre a uno o due mesi prima delle feste Natalizie forse per pagare la tredicesima mensilità? Perchè altre risposte non me le so dare so di certo che tutto questo E' UNO SCHIFO immaginate il concerto di capodanno in piazza Plebiscito con le transenne dei lavori non sarebbe meglio rimettere i basoli e rimandare dopo le feste. A che serve costruire stazioni ferroviarie avvenieristiche quando a lavoro ultimati staremo sempre a criticare un servizio che non sarà mai all'altezza.
2018-11-14 11:02:19
e c'era bisogno di fare tutto questo casino?
2018-11-14 08:48:43
per questa storia ce la dobbiamo prendere con le varie anime nascoste nelle associazioni per Napoli spesso piene di professionisti che sobillano per bloccare lavori ecc, per il solo scopo di entrare nel banchetto- Sono queste pseudoassociazioni che si dovrebbero combattere anzicché il blocco delle opere pubbliche.

QUICKMAP