Napoli, la disfida delle antenne di via Giustiniano: «Le nostre approvate dall’Arpac»

ARTICOLI CORRELATI
di Rossella Grasso

«Tranquilli, le antenne non sono pericolose». Parola di Emilio Villacidro, rappresentante del team di progettazione incaricato dalla Inwit (società del gruppo TIM) dell’impianto delle antenne in via Giustiniano. All’indomani delle accese proteste degli abitanti della zona contrari all’impianto, il gruppo di progettisti ha sentito la necessità di fare chiarezza su un tema delicato e poco conosciuto. Spiegano che quelle antenne sono perfettamente a norma di legge e che il progetto è stato disegnato proprio per non arrecare danni alla popolazione. «Abbiamo fatto delle scelte tecniche con enormi margini di cautela – spiega Villacidro - Le nostre scelte sono state poi vagliate dall’’Arpac, azienda che si occupa di tutti i controlli che garantiscono la salute dei cittadini, che non avrebbe mai dato parere favorevole se qualcosa possa danneggiare gli abitanti di quella zona».

«I permessi che abbiamo ottenuto – proseguono gli ingegneri - ci mantengono molto al di sotto dei limiti previsti dalla legge italiana che è una delle più restrittive a livello europeo. L’impianto che abbiamo progettato prevede l’orientamento delle antenne e l’altezza alla quale esse verranno istallate a quote che sono state appositamente scelte per non andare minimamente ad invadere gli spazi dove c’è permanenza abitativa da parte delle persone».
«Andrebbe poi fatto un inciso – conclude Villacidro - rispetto a quelle che sono le preoccupazioni delle persone rispetto all’uso del telefonino individuato quale oggetto sensibile. È l’uso improprio di quest’ultimo a rendere sensibile la variazione del  campo elettromagnetico all’interno di un’ambiente».
 

«La necessità di aumentare il numero di antenne presenti sul territorio è dettata dalle nuove esigenze tecnologiche», spiega Valerio Panelli, responsabile dell’ingegneria dell’azienda preposta alla progettazione  delle antenne di via Giustiniano. «Le proteste vanno in contrapposizione con il progresso tecnologico che tanto si decanta. In Italia si parla di Industria 4.0, di smart cyties, di tutto ciò che riguarda la connettività delle auto, degli oggetti, eccetera. Per fare questo che è la preponderante richiesta di mercato odierna è necessario migliorare le infrastrutture tecnologiche wireless. La popolazione manifesta contro la realizzazione di queste infrastrutture in controtendenza alle sue stesse abitudini. Parliamo di una fetta di popolazione che richiede tecnologia, richiede banda, velocità di navigazione, applicazioni social e fa file lunghissime nei negozi per comprare smartphone di ultima generazione quando poi per poterli utilizzare al meglio c’è bisogno delle infrastrutture che non vogliono».
Mercoledì 13 Settembre 2017, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 19:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP