Capodanno a Napoli senza pullman: ultima mediazione prima dello stop

ARTICOLI CORRELATI
di Pierluigi Frattasi

  • 198
Dopo il flop di Natale, mezzi pubblici a rischio anche a Capodanno. In forse le corse notturne del metrò del 31 dicembre, mentre il primo gennaio i bus potrebbero essere attivi solo per mezza giornata.

Il Comune è pronto a giocarsi le ultime carte per convincere i sindacati di Anm a fare i prolungamenti della Linea 1, ma tra i lavoratori serpeggia il malcontento. L'avvio della procedura del concordato preventivo, venerdì scorso, ha reso il clima pesantissimo e anche il faccia a faccia di questo pomeriggio con il sindaco Luigi de Magistris rischia di naufragare. Sul piatto, l'ipotesi di coprire il servizio non stop nella notte tra il 31 dicembre e il primo gennaio con gli straordinari: fino a 3-400 euro a testa. Ma potrebbe non bastare. I sindacati sono divisi e alzano il tiro. Tra le condizioni per sbloccare la situazione, il pagamento dei premi di produttività del 2016, che valgono circa 400 euro a testa. Sugli scudi anche la Uil, intenzionata a non sedersi al tavolo.

Senza un accordo, però, domenica i bus si fermeranno alle 18,30, mentre la metropolitana e le funicolari circoleranno fino alle 20. I napoletani che vorranno raggiungere il centro per festeggiare la fine del 2017 e assistere agli spettacoli sul Lungomare saranno costretti a servirsi della propria auto o ad andare a piedi. Il servizio riprenderà, poi, la mattina successiva alle 6, ma solo per mezza giornata. Bus, metro e funicolari, infatti, si fermeranno di nuovo poco prima delle 13 e non riprenderanno le attività fino al 2 gennaio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 27 Dicembre 2017, 06:47 - Ultimo aggiornamento: 27-12-2017 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP