«'O vascio nun è vascio... È na reggia», sapori e riti dei bassi di Napoli

di Francesca Cicatelli

Giovanni Ermete Gaeta, più noto come E. A. Mario, avrebbe detto che: 'O vascio nun è vascio... È na reggia. Ora anche un ristorante, esperienza che ammalia i turisti inseguitori della scia del ragù per ritrovarsi riflessi in una finestra ad altezza uomo. Un luogo, il basso, che condiziona la dimensione del bene e dello stare insieme, ristretti in una vicinanza che è un abbraccio necessario, da coltivare per sopravvivere. Con i vicoli, gli angiporti, i fondachi, calca la fisionomia pittoresca di Napoli e...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 14 Gennaio 2018, 15:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP