Il sommelier del mare: vi rivelo tutti i segreti per imparare a mangiare le ostriche

di Francesca Cicatelli

Un giorno gli chiesero di aprirne una e da allora trascura anche le donne e la squadra del cuore, il Napoli, per degustare le ostriche. Vincenzo Supino, oyster sommelier e ambassador del Sancta Santorum, tra i sei «assaggiatori» professionisti dell'ostrica in Italia, ha fatto di una passione un mestiere con l'ambizione di portare Napoli a primeggiare nel ruolo di «ostricara» come nell'800.
 

Nel ristorante di via Filangieri a Napoli è possibile assaporarne varietà esclusive (ogni giorno e in speciali aperitivi del mercoledì dalle ore19) come il santo Graal della specie, rivestita addirittura di foglie d'oro dal produttore. Nel video tutti i segreti della conservazione e i trucchi per imparare a distinguere le varietà e far proprio il vero sapore di un mollusco che in alcune varianti può avere anche sentori di nocciola e cetriolo e che, grazie a ricercatori napoletani, è scientificamente afrodisiaco.     
 
Giovedì 21 Settembre 2017, 17:56 - Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 23:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP