Sushi e ricette nippo-brasiliane: la scommessa del nuovo Misaki Sorrento

Ristorante Misaki Sorrento
di Ilenia De Rosa

È brasiliano, da marzo vive in Italia ed è lo chef di un ristorante giapponese. Si chiama Sergio Areco e guida una brigata di cinque persone presso il nuovo Misaki Sorrento: ama alternare piatti tipici della cucina nipponica con ricette più creative di impostazione nippo-brasiliana. 

Il menu del locale sito nel centro storico di Sorrento, inaugurato da pochissimo, si apre con un’ampia proposta di antipasti: si inizia con fagioli di soia, insalata di alghe con sesamo o tonno scottato, si prosegue con i Gyoza fritti o al vapore, i carpacci e le tartare, la tempura, l’astice e pinoli cotto con salsa dello chef. A sushi e sashimi è dedicata un’ampia sezione con oltre 50 proposte classiche tra maki, nigiri, uramaki, temaki, futomaki assortiti.

Il ristorante dal design contemporaneo e accogliente porta, dunque, in penisola sorrentina tutti i colori del sushi e della cucina del Sol Levante. Dopo il successo di Misaki Pompei aperto nel 2014, ecco la nuova sede di Sorrento, a pochi passi dal Chiostro di San Francesco e dal belvedere della Villa Comunale.
 

Sono quattro le vetrine su strada, minimale è il design, combinazione di elementi materici come il teak, linee rigorose e colori caldi. Due sale interne per 38 coperti totali e uno spazio esterno per altri 20 sedute. Ampia la proposta gastronomica: non solo maki e nigiri, ma anche tante proposte della cucina giapponese come l’Unagi Rice, l’anguilla arrostita in salsa teriyaki e riso. 

Per i palati più curiosi gli Special sushi set sono le specialità dello chef: una degustazione di 40 o 20 pezzi a sua scelta in cui lo chef combina ricette, salse, ingredienti freschi e suggestioni per un’esperienza completa.  Le proposte di cucina calda contemplano diverse combinazioni di noodles e rice, di teppanyaki, di tonno e salmone alla piastra. L’astice viene proposto in tre varianti e cotture: polpa di astice in tempura; lobster roll con mango; astice e pinoli con salsa dello chef. Altra sezione è quella del chirashi, la tradizionale ciotola di riso da sushi ricoperta di pesce crudo. Completano il menu i dolci rigorosamente di tradizione giapponese per un’esperienza gastronomica completa. La carta del beverage comprende spumanti e champagne, birre giapponesi, vini bianchi e rossi italiani, tè verde giapponese e selezione di sake. 

Bellezza che sboccia, è questo il significato della parola Misaki scelta per sintetizzare la filosofia del concept di sushi and japanese restaurant: ambiente rilassato e sale luminose, design minimal e contemporaneo, cura dei dettagli, preparazione rigorosamente a vista e un'ampia proposta gastronomica. 
Venerdì 27 Ottobre 2017, 18:11 - Ultimo aggiornamento: 27-10-2017 19:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP