La Pizza sale in cattedra e
dà lezioni di economia

L'Unione Pizzerie Centenarie dà lezione di marketing
di Tommaso Esposito

Tutte insieme rappresentano quattro secoli di storia della Pizza Napoletana. Sono le pizzerie che a partire dal 1734 ogni giorno accendono i forni. Sono riunite nell'Unione Pizzerie Storiche Napoletane "Le Centenarie". Eccole: Starita a Materdei, Antica Pizzeria Port’Alba, Pizzeria Gorizia 1916 al Vomero, Pizzeria Umberto a via Alambardieri, Pizzeria Mattozzi in piazza Carità, Pizzeria Capasso a Porta San Gennaro, Pizzeria Lombardi 1892 a Via Foria, Antica Pizzeria da Michele a Via Sersale, Pizzeria Ciro a Santa Brigida e Pizzeria Ciro dal 1923 a Gaeta (unica Pizzeria fuori area partenopea).
 
 


Oggi sono salite in cattedra per dare lezioni agli studenti in un Seminario svoltosi presso il Dipartimento di Economia, Managment e Istituzioni dell'Università Federico II a Monte Sant'Angelo con i professori Marco Palmieri e Cristina Mele. Hanno raccontato le loro storie che si intrecciano con quelle della vita popolare a Napoli. Hanno presentato, in pratica, il loro modello aziendale che ha attraversato i secoli, senza sostanziali modifiche nel tempo, per arrivare fino ad oggi. L'importanza della pizza napoletana e dell'arte del pizzaiuolo, che sta per ricevere il riconoscimento di patrimonio immateriale dell'Unesco, è stata illustrata anche sotto i suoi aspetti imprenditoriali e manageriali. Insomma l'esempio delle Pizzerie Centenarie Napoletane oggi rappresenta un punto di riferimento non solo dal punto di vista gastronomico, ma anche per gli studi accademici.
Martedì 21 Novembre 2017, 15:01 - Ultimo aggiornamento: 21-11-2017 15:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP