Capri, gli alunni delle primarie alla scoperta dell'olio presso la Certosa di San Giacomo

di Mariano Della Corte

CAPRI - Piccoli olivicoltori crescono. Gli alunni delle primarie di Capri protagonisti del laboratorio didattico “Orti Certosini” alla scoperta delle proprietà dell'olivo presso la Certosa di San Giacomo di Capri. Questa settimana, infatti, il laboratorio didattico “Orti Certosini”, a cura dell’Ufficio dei servizi educativi della Certosa di San Giacomo e dell'Associazione culturale Apeiron è stato dedicato alle proprietà dell'olivo e dell'olio. Un progetto rivolto agli alunni delle scuole primarie di Capri per far conoscere ai più piccoli gli usi officinali e alimentari legati alla terra, dei monaci certosini.

Nel corso del laboratorio i soci di Apeiron hanno portato all'attenzione dei giovanissimi alunni l'importanza della cura della terra e dei suoi frutti attraverso dei focus dedicati di volta in volta alle erbe aromatiche, ai frutti, agli ortaggi e ai legumi coltivati un tempo presso il monastero certosino, utilizzati dai monaci sia a scopi curativi che alimentari.
 
 

Questa settimana con gli alunni delle prime e seconde elementari degli Istituti IV Novembre e G. Salvia è stata la volta dell'olio con ospiti speciali Vincnezo Torelli e Alessandro Maresca, membri dell'associazione “Oro di Capri”, presieduta da Pierluigi Della Femina. I soci del sodalizio no profit di piccoli produttori e coltivatori olivicoli anacapresi, che producono un pregiatissimo olio, non destinato al commercio, ricavato dai terreni terrazzati lungo il sentiero dei Fortini che va dal Faro a Mesola alla Grotta Azzurra, hanno offerto ai piccoli allievi delle scuole un assaggio di pane condito del preziosissimo olio, spiegando loro anche le proprietà e i metodi di lavorazione del prodotto.

Ai giovani allievi delle primarie capresi sono stati anche donati dei semi di cicerchie anacapresi, coltivate dagli stessi produttori dell'Oro di Capri, un legume dall'alto valore proteico, quasi scomparso dalla grande distribuzione, una volta tipico della dieta mediterranea e caprese e che per tali peculiarità è entrato da poco a far parte dell'Arca del Gusto di Slow Food. Nel corso delle due giornate di laboratorio presso la Certosa di Capri sono state spigate ai giovani studenti anche le proprietà benefiche derivate dall'olio tra cui la capacità di ridurre lo zucchero nel sangue, di combattere virus e batteri e di aumentare le aspettative di vita. Infine sono stati illustrati anche i diversi usi dell'olio legati una volta all'illuminazione e oggi alla cosmesi ed è stato raccontato il mito di Poseidone ed Atena che narra della nascita dell'olivo.
 
Domenica 22 Aprile 2018, 16:23 - Ultimo aggiornamento: 22-04-2018 16:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP