Ponte Morandi, Castellucci non risponde ai pm e deposita una memoria

di Claudia Guasco

Si è avvalso della facoltà di non rispondere, rilasciando però dichiarzioni spontanee, l'amministratore delegato di Autostrade per l'italia Giovanni Castellucci. Il manager si è presentato in procura davanti al pm Massimo Terrile nel'ambito dell'inchiesta sul crollo del ponte Morandi del 14 agosto scorso.

Autostrade, Castellucci prepara l’addio. Resterà alla guida di Atlantia

«Per il ruolo importante a livello mondiale che Atlantia ha assunto negli ultimi tempi il processo di riduzione delle mie responsabilità in Autostrade che era iniziato prima della tragedia è ripreso». Lo ha detto l'Ad di Autostrade Castellucci alla domanda sulle sue dimissioni .

Il legale. «Castellucci ha ritenuto doveroso depositare una memoria ricostruttiva di tutti gli interventi da lui disposti in qualità di Ad a seguito dei fatti del 14 agosto». Lo ha detto il legale del manager, Paola Severino. L'avvocato ha poi aggiunto, in merito al fatto che Castellucci parlerà con i pm una volta che l'incidente probatorio sarà concluso, che in «considerazione della gravità e della complessità dei tragici fatti al vaglio della magistratura - ha detto Severino - abbiamo ritenuto opportuno dichiarare la disponibilità dell'ingegner Castellucci a rispondere nei limiti delle competenze che fanno capo a lui e delle deleghe previste dall'organizzazione della società una volta concluso l'incidente probatorio e una volta che siano state ricostruire le cause dell'evento e ne siano state tratte l'eventuali specifiche contestazioni».
Mercoledì 28 Novembre 2018, 11:11 - Ultimo aggiornamento: 28-11-2018 12:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP