NaStartup lancia gli spinoff:
«acceleriamo imprese sociali»

ARTICOLI CORRELATI
di Rossella Grasso

Tre giorni di attività per un solo obiettivo: accelerare le imprese locali e non. La nuova edizione del NastartupDay 042 si è protratta da venerdì a domenica, a pertire dal consueto evento che NaStartup, l’acceleratore no profit e non convenzionale, questa volta ha organizzato alla Fondazione Giambattista Vico a Palazzo Marigliano - Spacca Napoli. La Palestra delle startup ha visto come protagonisti 4+1 startup. I progetti innovativi che hanno chiesto alla community di essere accelerati sono stati: «ShopApp», presentata da Antonino Russo, un nuovo servizio di marketplace per permettere ai supermercati di fare servizi di consegna a domicilio.
 
 



Poi c'è «Gusto vero Napoletano», con Valeria Zazzu, una nuova formula food con ricette sane e equilibrate che fonda le sue radici nella cucina napoletana tradizionale, «Desportibus on stage» con Enzo Cusitore, una nuova idea che permette l’accesso e la fruizione dello sport a portata di click e infine «LaserAid», accelerata da Domenico Gallo, un nuovo dispositivo che consente la guida in sicurezza con la nebbia disegnando con il laser il percorso.

A introdurre le attività insieme agli Advisor della community Luigi Pepe della Fondazione Giambattista Vico e a guidare Luca Ferraro di Giovani Touring Club Campania. Tra le startup presentate la community ha assegnato il primo premio a LaserAid, il CEO ha vinto un weekend a Ischia all’Hotel San Giorgio, mentre sono stati offerti altri riconoscimenti ai partecipanti. NAstartUp oltre a diffondere, facilitare e accelerare l’avvio di programmi per startup con istituzioni e operatori, sperimenta da questo appuntamento la funzione d’acceleratore di spinoff. È stato presentato e avviato il Progetto 3i - l’III Project, un nuovo spazio ideato da Antonio Prigiobbo e curato e sviluppato da Pablo Ramirez che ha lo scopo di individuare, promuovere, diffondere e aiutare progetti e imprese che sviluppano Innovazione, Integrazione e Immigrazione.

Il primo progetto è stato Miribadi Kouadio Abraham, lo startupper ha ideato un progetto e un’app per l’orientamento ed accesso all’informazione dei migranti in Italia. Al progetto 3i la community di NAStartUp ha messo a disposizione degli strumenti per facilitarne la crescita. Grazie a nuove partnership e coinvolgimento dei talenti della community si forniranno delle scrivanie per diversi mesi sia per il progetto 3i che per altre startup che verranno individuate di mese in mese. Questa nuova opportunità è possibile grazie alle nuove partnership e a nuovi advisor di NAStartup.  E sopratutto grazie a LAB46 progetto di smartworking sviluppato  al Centro Direzionale da Danilo Iervolino e Gennaro Tesone. La sezione spazio community ha visto la presentazione di diverse iniziative impegnate nella crescita delle startup. La prima ha visto, per la prima volta a Napoli (e nel sud Italia) protagonista il Managing Director Raffaele Mauro che ha raccontato il programma di Endeavor Italia per startup scaleup.

Endeavor è un gruppo internazionale con sede principale a New York ha lo scopo di mettere imprenditori sotto forma di mentor per programmi di Social Impact e crescita imprenditoriali. Il Secondo contributo è stato di Emilio della Penna che ha annunciato il lancio a Maggio a Napoli del nuovo programma di StarBoost, corso gratuito, su selezione, che aiuterà aspiranti imprenditori e startup nello sviluppo di progetto imprenditoriali. Terzo e ultimo contributo è stato quello di Rocco Marco Guglielmi che con Alan Smith hanno raccontato le ultime novità del progetto Neapolis Innovation, Il nuovo programma positioning Application Developer di ST Microelectronics. Marco e Alan hanno invitato tutta la community a partecipare ai prossimi workshop su il Wireless Communications and Sensors, e in particolare al workshop, sviluppato con Invitalia, per raccontare i bandi in corso che accelerano progetti di impresa. 

Il Day After di NAStartUp della tre giorni ha visto giovedì 12 altre attività di diffusione, formazione e affiancamento con i progetti di 3i e i membri della community. Come lo sviluppo di contribuiti per conferenze tra Napoli e Pozzuoli sul tema lavoro e startup. Venerdì 13 la community di NAStartUp è stata invitata a raccontare alla IV Giornata della Giovane Imprenditoria al Sud tenutasi a Benevento nell’Università Giustino Fortunato, insieme ai Giovani di Confindustria. Oltre al workshop sviluppati da Prigiobbo sullo stato di salute dell’economia delle startup, tre diverse startup hanno sviluppato dei workshop su come l’innovazione cambia il mondo del lavoro e delle imprese nei rispettivi ambiti di operatività. In particolare: Fabio Cantone CEO di Hotel Brand ha tenuto “Come Migliorare (e Monitorare) la Reputazione di una Azienda OnLine” - (la startup plurifinanziata HotelBrand operativa in Italia e Spagna, sviluppa un software che sta aiutando gli hotel a migliorare la vendita e il posizionamento online).

Alessandra Antonetti CEO di Aria Wearables ha sviluappato “Dall’Idea alla Realizzazione di una startup che produce un prodotto di Design” - (Aria è una Soletta Smart IoT, permette di curare e migliorare le performance di chi le indossa nelle scarpe in fase di industrializzazione) e Giancarlo Donadio CEO di PandAnt ha presentato invece “Come comunicare un idea innovativa e una startup, in modo semplice” - (PandAnt è un collettivo di giornalisti che presta il proprio lavoro nell’aiutare imprese e imprenditori a comunicare meglio e sviluppare informazioni aziendali).
Sabato 14 Aprile 2018, 17:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA