L'attore Marcello Mazzarella: «Mio figlio in carcere a Tokyo per un banale incidente in bici»

Marcello e Vincent Mazzarella
In galera da due settimane a Tokyo per aver investito con una bici - involontariamente, va da sé - una donna causandole la rottura di un osso del bacino. E non si sa quando potrà uscire Vincent Mazzarella, 27 anni, figlio dell'attore siciliano Marcello Mazzarella, protagonista suo malgrado di un incubo iniziato il 2 maggio. 
Continua insomma, con l'assistenza dell'ambasciata italiana a Tokyo, l'indagine legale che vede coinvolto il cittadino italiano in stato di fermo nella caserma di Ikegami.

Il giovane si trovava in vacanza in Giappone e sarebbe dovuto rientrare in Italia il 10 maggio. In quello che nella ricostruzione dei fatti appare un incidente fortuito, Piero ha investito con la sua bicicletta una donna causandole la frattura di un osso del bacino. Pur fermandosi e prestando assistenza alla donna, la polizia lo ha arrestato decidendo successivamente di prolungare lo stato di fermo in carcere.

Un caso di cui si sta occupando l'ambasciata italiana, in attesa che si pronuncino le  autorità nipponiche: «L'Ambasciata segue con la massima attenzione - sin dai primissimi momenti - il caso del nostro connazionale, assicurando ogni consentita forma di assistenza consolare», ha spiegato all'Ansa l'ambasciatore italiano Giorgio Starace.

«Abbiamo visitato Piero Mazzarella più volte, da ultimo io personalmente il 15 maggio, trovandolo sempre in buone condizioni di salute e tenendo tempestivamente aggiornata la famiglia. Siamo inoltre in stretto contatto con il legale del connazionale. L'Ambasciata si sta dunque adoperando con la massima priorità e con il pieno utilizzo delle nostre risorse affinché il caso venga quanto prima risolto». Il sistema giudiziario giapponese consente alla polizia e agli inquirenti di disporre uno stato di fermo, prima ancora di formulare un'imputazione, fino a 23 giorni. Nel corso di questo periodo i diritti alla difesa sono molto ristretti.

Intanto Vincenzo Mazzarella, dal sito web del Giornale di Sicilia, ha lanciato un appello perché venga rilasciato il figlio.
Mercoledì 16 Maggio 2018, 14:40 - Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 19:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-05-16 20:36:42
gli italiani rimangono basiti quando,uno stato come il giappone, fa rispettare le leggi,non ci siamo per niente abituati,questione di mentalità ed educazione civica,non ci siamo abituati,dall'alto della ''nostra'' arroganza(come popolo) crediamo di fare i propri comodi dovunque!!
2018-05-16 20:00:21
forse si credeva di stare in Italia,
2018-05-16 19:40:38
Gli scippatori in flagranza di reato arrestati, dopo che il bacino te lo hanno rotto gettandoti a terra, la galera non la vedono neanche per un giorno.
2018-05-16 19:06:05
A proposito di Giappone una notizia recente:Il treno parte con 25 secondi di anticipo e le ferrovie chiedono scusa all'utenza.....!Se e'vera e' grande!
2018-05-16 16:57:39
certe cose all'estero non si fanno!!! non è come in itaglia dove se fai il pirata della strada quasi quasi ti danno un premio!!!!!

QUICKMAP