Alitalia, Lufthansa pronta a offrire 300 milioni ma pone condizioni

Dopo l'uscita dalla partita per l'acquisizione della compagnia aerea Niki, Lufthansa punta tutto su Alitalia: «Dopo l'uscita dell'affare Niki si sono liberate delle risorse e Alitalia è per Lufthansa un importante obiettivo strategico». Lo rivelano fonti interne alla dirigenza della compagnia di bandiera tedesca al quotidiano economico Handelsblatt. «Tuttavia gli ostacoli sono enormi», scrive il quotidiano, «perché viene chiarito da fonti vicine a Lufthansa che la compagnia tedesca non assumerà su di sé il risanamento di Alitalia. Ma questo dovrà essere assunto dagli interessati in Italia prima dell'acquisizione». Tra gli ostacoli, ce n'è uno anche di ordine economico. «La domanda è se un investitore deve restituire i soldi del prestito ponte» (complessivamente 900 milioni, ndr.), si chiede il quotidiano. «Secondo le informazioni di un insider, Lufthansa può offrire un prezzo di acquisto di 300 milioni per Alitalia», riferisce Handelsblatt, «mentre si dice che il governo di Roma si aspetti un'entrata di 500 milioni».  Il responsabile in Lufthansa dell'acquisizione di Alitalia, secondo le informazioni raccolte dal quotidiano economico, è Harry Hohmeister, responsabile per il managment dei grandi hub nel consiglio di amministrazione di Lufthansa. Problematici sono i diritti del personale di volo, come ad esempio «il diritto di abitare a Roma se si è stazionati a Milano, o avere il servizio navetta a Milano a spese dell'azienda». «Finché nessun ente in Italia elimina questi trattamenti, una vendita è difficilmente possibile», dicono le fonti vicine a Lufthansa citate da Handelsblatt. 
Mercoledì 3 Gennaio 2018, 13:07 - Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio, 09:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-01-03 18:39:31
con 300 milioni ti portiamo gli aerei con tutti i dipendenti in Germania
2018-01-03 13:19:05
ma si accollano anche le nuovissime divise griffate?????

QUICKMAP