Influenza, boom di contagi in Campania: allarme per i bambini

di Ettore Mautone

Influenza, brusco aumento dei casi registrati in Campania. Un picco alimentato soprattutto dalle fasce d'età pediatriche. La curva di sviluppo delle sindromi influenzali continua la sua ascesa in tutta Italia dopo aver superato, a fine dicembre, il giro di boa del valore soglia di 2,57 casi per mille assistiti (che segna la svolta per l'inizio del periodo epidemico vero e proprio). In Campania se per gli adulti e gli anziani non si registrano ancora particolari punte epidemiche (anche grazie alla maggiore aderenza alla campagna vaccinale conclusa il 31 dicembre) a preoccupare è la situazione sul fronte pediatrico. Secondo i dati della rete Influnet, al di sotto dei cinque anni si osserva un'incidenza molto alta, superiore a quella delle medie stagionali (che ha raggiunto i 18,9 casi per mille assistiti) con afflussi record nei reparti pediatrici. In notevole aumento (con un'incidenza stimata pari a 12,6 casi per mille) anche le visite per i ragazzini tra 5 e 14 anni, con decine di richieste di interventi domiciliari e in ospedale.
Il numero di casi pediatrici stimati in questa settimana supera il migliaio, per un totale, dall'inizio della sorveglianza, di oltre 100mila casi.

Ad andare in crisi sono tutti i reparti pediatrici degli ospedali. Un flusso che termina nell'imbuto del Santobono competente per i codici gialli e verdi (a maggiore gravità) su tutta l'area regionale. Nel polo pediatrico del Vomero sono attualmente più di 100 i bambini ricoverati a causa di sintomi legati all'influenza. In alcuni reparti è stata ridotta l'attività ordinaria per fare posto a un maggior numero di letti mentre al pronto soccorso sono stati individuati spazi aggiuntivi in cui tenere sotto controllo per almeno 24 ore i casi a rischio. «La situazione in ospedale è abbastanza complicata - spiega il direttore sanitario aziendale del Santobono Rodolfo Conenna - registriamo un picco molto intenso, in anticipo rispetto agli andamenti stagionali. Evidentemente, a scuole ancora chiuse, hanno inciso le riunioni di famiglia a cui i bambini non si sono potuti sottrarre». Al picco del Santobono corrisponde l'iperafflusso alla guardia medica pediatrica dell'Annunziata. Qui oltre ai 18 posti sempre pieni dell'unico reparto di pediatria rimasto, si registrano centinaia di richieste di soccorso. «Il primo giorno dell'anno in 24 ore sono state effettuate 161 visite ambulatoriali di guardia medica pediatrica - avverte Ernesto Esposito, responsabile Smi della Asl Napoli 1 - 259 se si contano le 134 della notte di Capodanno. Sei neonati sono stati trasferiti al Santobono».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 3 Gennaio 2018, 11:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP