Vittorio Emanuele: «I Savoia al Pantheon, l'Italia riabiliti la monarchia con obiettività»

Vittorio Emanuele:
17
  • 995
Non un passo indietro, anzi, una nuova richiesta. Nonostante le tante polemiche delle scorse settimane, i Savoia tornano a ribadire la loro richiesta di vedere Vittorio Emanuele III e Umberto II sepolti al Pantheon. Il figlio di quest'ultimo e della regina Maria José, Vittorio Emanuele, ha avanzato anche un auspicio per il 2018 in una lettera pubblicata da 'Il Tempo'.



LEGGI ANCHE ---> VITTORIO EMANUELE III, POLEMICA PER LA SALMA IN ITALIA

«Mi auguro che nell'anno del centenario della vittoria della Prima guerra mondiale si possa rendere merito, senza pregiudizi e con obiettività, alla mia famiglia» - si legge nel testo scritto da Vittorio Emanuele di Savoia - «Vedere il ritorno di Vittorio Emanuele III in Italia e la tumulazione nel santuario di Vicoforte è stata una grande emozione, ma il giusto posto per quelle spoglie, e per quelle dei miei genitori che sono ancora lontane dall'Italia, è il Pantheon. Vorrei che l'Italia possa finalmente riabilitare la monarchia e la mia famiglia con obiettività. Mio padre scelse di sacrificare sé stesso percorrendo la via dell’esilio per scongiurare il rischio di una guerra civile e la cui correttezza istituzionale fu elogiata tra gli altri da Enrico De Nicola, Luigi Einaudi e Winston Churchill».

LEGGI ANCHE ---> VIRGINIA RAGGI: "SAVOIA AL PANTHEON? INOPPORTUNO"
Martedì 2 Gennaio 2018, 14:07 - Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio, 09:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-01-03 12:52:53
Vittorio Emanuele III per indole, educazione, cultura era il più antifascista di tutti. Subì il fascismo perché in una dittatura nessuno è libero, nemmeno il re. I nostri nonni, molto più intelligenti di noi, lo compresero benissimo e al referendum Napoli diede più dell'80% alla monarchia e ci furono decine di morti e centinaia di feriti in via Medina, per difendere Umberto II. Ancora nel 1983, alla morte di quest'ultimo in esilio, Napoli era una città in lutto. Il dovere della memoria...
2018-01-03 08:55:21
A Vittò quando se perde se scappa.... o no? E scappa va !
2018-01-03 08:16:02
...di tutti i regnanti savoia vittorio emanuele terzo è stato il peggiore. durante il suo regno non ci ha risparmiato nulla: 2 guerre mondiali, venti anni di dittatura per non aver avuto il coraggio di fermare la marcia su roma, guerre coloniali con l'uso di gas sui civili, le leggi razziali, la fuga dopo l' otto settembre lasciando l' italia in preda ai nazisti prima e alla guerra civile poi, il nipote che perora la sua causa ha venduto armi allo scià di persia, ha ucciso un ragazzo in sardegna, è stato coinvolto nel racket del gioco d' azzardo e si permette anche di pontificare sull' opportunità di seppellire suo nonno al pantheon. vittorio emanuele terzo non doveva nemmeno rientrare in italia, considerato che aveva abbandonato il popolo nel momento peggiore della guerra, e poi in tutta sostanza i savoia non sono nemmeno italiani ma di origine francese e l' italia per loro è stata solo terra di conquista. sarebbe addirittura il caso di intitolare la biblioteca nazionale ad altro regnante, ad esempio carlo terzo, sovrano che veramente ha sollevato napoli agli onori d' europa.
2018-01-03 00:55:46
con solo 29 sterline potrei acquistare un titolo nobiliare in Scozia con titolo di Contessa di Blackwood ,terriera di pochi centimetri di terra hahah
2018-01-03 00:21:09
Se si paragona l'Italia ai tempi di V E III a quella di oggi, io direi che che 72 anni di democrazia, hanno fallito totalmente. E non per colpa dei Savoia, A buon intenditore poche parole!

QUICKMAP