Tornare indietro dalla Brexit? Per Soros si può. «L'euro sta distruggendo l'Europa»

Tornare indietro dalla Brexit? Per Soros si può. «L'euro sta distruggendo l'Europa»
ARTICOLI CORRELATI
Si può tornare indietro dalla Brexit? Per qualcuno sì. Il miliardario George Soros, in un discorso tenuto a Parigi, ha detto che la popolazione britannica potrebbe, con un ‘margine convincente’, cambiare idea sul fatto che l’appartenenza all’Europa fosse nel loro interesse. Stando a quanto scrive l'Independent, Soros avrebbe finanziato con 500mila sterline Best for Britain, un movimento guidato da Gina Miller, leader degli anti-Brexit, che dovrebbe lanciare la sua campagna su un secondo referendum il prossimo 8 giugno.

«Fuori dall'euro si sta peggio»: il caso della Romania e quei dati così diversi dai nostri

«La Brexit è un processo immensamente dannoso per entrambe le parti - ha detto Soros, 87 anni - il divorzio sarà un processo lungo, probabilmente più lungo di 5 anni. E cinque anni in politica sono un’eternità, specie in tempi rivoluzionari come questi». Per il miliardario americano dunque gli inglesi potrebbero cambiare idea e rivotare per un ritorno nell’Ue. «Alla fine spetta al popolo britannico decidere cosa fare - ha detto - Sarebbe meglio se arrivassero a una decisione prima, piuttosto che dopo. Questo è l’obiettivo di questa iniziativa chiamata Best for Britain, che appoggio».

Savona e il piano B per uscire dall'euro: «Tutto in segreto». Ma chi l'ha scritto davvero?

«Un eventuale dietrofront, in Europa sarebbe ottimo da entrambi i fronti: sia per il Regno Unito che per l’Europa, che non si ritroverebbe con un buco nel bilancio difficile da colmare. Ma il popolo britannico deve esprimere il proprio sostegno con un margine convincente per essere preso sul serio dall’Ue», specifica Soros, che teme che l’Unione possa andare verso un’altra crisi finanziaria a causa dell’austerity e dei partiti populisti, intenzionati a far saltare tutto.

«L'euro è una minaccia più della Brexit. L'Italia farebbe bene a uscire»

Per lui è il momento ideale per Bruxelles per riformarsi, preparando il terreno per un “ritorno” del Regno Unito. «Ci vuole una chiara distinzione tra l’Unione europea e l’Eurozona - conclude Soros - inoltre bisogna riconoscere che l’euro ha diversi problemi irrisolti, e non si deve permettere all’euro di distruggere l’Europa».
Mercoledì 30 Maggio 2018, 13:22 - Ultimo aggiornamento: 30-05-2018 13:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP