Zes Campania, il Banco di Napoli ​apre plafond di 1,5 miliardi di euro

La Campania è stata riconosciuta come Zona Economica Speciale e le aziende italiane export-oriented che vorranno investire qui «avranno nuove e importanti opportunità sia attraverso i supporti finanziari messi a disposizione da Intesa Sanpaolo sia grazie all'agevolato regime fiscale dovuto al credito d'imposta e alle semplificazioni amministrative e doganali della Zes».

Le opportunità per le imprese sono state illustrate in un workshop organizzato dall'istituto insieme alla controllata Banco di Napoli. Il Banco di Napoli e l'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Centrale, alla fine dell'anno scorso hanno firmato un accordo per assistere finanziariamente le imprese assegnatarie di appalti per le opere portuali mediante l'anticipazione dei crediti certificati e gli altri supporti finanziari correlati all'impianto dei cantieri. Per questi accordi, ricorda una nota, il Banco di Napoli ha già messo a disposizione un plafond di 1,5 miliardi di euro. Il vincolo per avere le agevolazioni è che le aziende mantengano l'attività nella Zes per almeno 7 anni. Le risorse finanziarie pubbliche complessivamente messe a disposizione ad ora ammontano invece a poco più di 200 milioni di euro.
Venerdì 27 Luglio 2018, 14:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP